WhatsApp: primi test di pagamenti con il wallet Novi di Meta

Novi e WhatsApp

WhatsApp inizia la fase di test per pagamenti in valute digitali. Con il wallet Novi di Meta. Che poi sarebbe Facebook, tra l’altro lo stesso brand di WhatsApp. Nel frattempo, a novembre, il progetto riscuote l’opposizione di alcuni senatori USA.

Abbiamo parlato di critpvalute e WhatsApp in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Il wallet Novi di Meta e WhatsApp. Il primo, il wallet di valute digitali sviluppato dal gigante dei social media che prima chiamavamo Facebook. La seconda è la notissima applicazione di messaggistica istantanea, sempre di proprietà di Meta.

Come spesso succede quando si parla di WhatApp e Meta, l’implementazione del wallet Novi trova l’opposizione di diversi senatori statunitensi. Tuttavia, l’azienda mantiene lo sviluppo del wallet digitale a ritmo sostenuto.

Stephane Kasriel
Stephane Kasriel – fonte internet

Stephane Kasriel è direttore dell’unità crypto e fintech Novi.

Trezor - hardware wallet

Costui utilizza il proprio canale Twitter per annunciare ufficialmente l’evento, mercoledì scorso. In casa Meta, WhatsApp inizia a testare le transazioni tramite il wallet Novi. Ecco il link del post su Twitter.

Secondo il post, la nuova funzione di pagamento con valute digitali è offerta al momento ad un numero limitato di persone, negli USA. Costoro possono così inviare e ricevere denaro su WhatsApp istantaneamente e senza commissioni, dichiara l’azienda.

C’è un nuovo modo per provare il wallet digitale Novi. A partire da oggi, un numero limitato di persone negli USA potranno inviare e ricevere denaro usando Novi su WhatsApp. Rendendo il trasferimento di denaro a familiari e amici facile quanto inviare un messaggio.

Kasriel sottolinea in un altro post, a questo link, che Meta ha preventivamente verificato quali caratteristiche e funzionalità sono da considerarsi prioritarie e maggiormente attese dagli utenti. Ed ha così orientato la serie di test pilota su Novi a metà ottobre. Precisando che utilizzare Novi non influenza la privacy di messaggi e chiamate personali su WhatsApp. Le quali, puntualizza, restano sempre cifrate end-to-end.

Will Cathcart
Will Cathcart – fonte internet

Will Cathcart è direttore del progetto WhatsApp presso Meta.

Sempre su Twitter, in un post sul suo profilo a questo link, anche lui conferma la notizia dei test su WhatsApp. E fa sapere che alcuni utenti negli USA possono da ora inviare e ricevere denaro con Novi sull’App di messaggistica istantanea.

La gente usa WhatsApp per coordinare il trasferimento di denaro ai propri cari. E ora Novi aiuterà a farlo in modo sicuro, istantaneo e senza commissioni.

Poco dopo aver cambiato nome da Facebook a Meta, a ottobre ha ufficialmente lanciato i test pilota sulle valute digitali. In collaborazione con il grande exchange di criptovalute Coinbase. E con la società di stablecoin Paxos. Le prove si sono svolte negli USA ed in Guatemala. Utilizzando USDP, lo stablecoin PAX Dollar di Paxos.

Poi sono però comparse le voci contrarie. Un’organizzazione no-profit statunitense, Open Markets Institute, ha inviato una lettera a diversi regolatori, a questo link. Tra cui il Dipartimento di Giustizia. Ed ha affermato che Meta potrebbe essere coinvolto in “attività illegali di ricezione di depositi senza una licenza bancaria”.

La stessa organizzazione rileva che USDP è uno degli stablecoin più piccoli “con liquidità e utilizzo molto inferiori” rispetto a Tether o USD Coin.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://twitter.com/skasriel/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *