VeChain: una blockchain per segnalare i dati sulle emissioni

VeChain

Ecco l’idea di VeChain. Lanciare un servizio blockchain ad uso aziendale. Per segnalare i dati sulle emissioni di anidride carbonica.

Abbiamo parlato di blockchain e sostenibilità ambientale in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

VeChain svela il suo nuovo progetto: una blockchain per segnalare i dati sulle emissioni delle aziende. Parliamo di un brand già noto per la omonima piattaforma di gestione delle catene di fornitura. Ora, annuncia un nuovo servizio dedicato alle aziende. Con cui rivoluzionare le pratiche di gestione dei dati sull’impronta ambientale.

Ne ha dato annuncio mercoledì scorso, con un post su Medium a questo link.

In dettaglio, il servizio in questione combina la tecnologia a registro decentralizzato con un modello commerciale di tipo Software-as-a-Service (SaaS). Si chiama Digital Carbon Footprint SaaS Service.

Consente agli utenti aziendali di registrare dati fondamentali. E integrarli con fornitori di garanzie di terze parti leader nel mondo all’interno del network di partnership di VeChain.

In seguito, questi dati possono essere trasformati in nuove tipologie di valore. E migliorare la performance di sostenibilità attraverso l’intera organizzazione.

Nell’annuncio, VeChain sottolinea l’aspetto cruciale del progetto.

Trezor - hardware wallet

E cioè, la fiducia e la trasparenza nelle catene di fornitura tradizionali per i dati sulle emissioni di anidride carbonica delle compagnie. Una blockchain pubblica, per VeChain, risolve questo problema, ed offre una rendicontazione trasparente sulle emissioni a tutti i livelli della rete logistica.

Il servizio basato su blockchain Digital Carbon Footprint SaaS Service di VeChain fornisce una piattaforma completa e scalabile. Che consente a qualsiasi azienda di calcolare. Tracciare. Segnalare al meglio le proprie iniziative di riduzione delle emissioni. Attraverso l’intera catena di valore.

Alexandre Gellert Paris è associate program officer della United Nations Framework Convention on Climate Change. Iniziativa altrimenti nota come Accordi di Rio. Ecco il suo pensiero.

La blockchain può contribuire ad aumentare la trasparenza. L’interazione. Il coinvolgimento delle parti interessate. Aiutando a portare fiducia e soluzioni innovative nella lotta contro il cambiamento climatico. Risultando in azioni per il clima potenziate.

Il principale produttore di emissioni di anidride carbonica al mondo è la Cina.

Il Paese asiatico ha quindi un ruolo fondamentale in questo contesto. Promuovere le tecnologie di domani per supportare trattati i ambientali internazionali. Come l’Accordo di Parigi.

E così dovrebbe essere. Non a caso, il presidente Xi Jinping di recente ha divulgato il proprio piano quinquennale. Il quale contiene un impegno aggressivo. Con cui portare l’economia più grande del mondo su una traiettoria a basse emissioni. Proprio per ridurre l’output di emissioni entro il 2030. E, lo speriamo tutti, raggiungere la neutralità entro il 2060.

Per quanto riguarda gli asset crypto, ultimamente la Cina è passata dalla una posizione di protagonista nel settore ad una di forte opposizione alle criptovalute. Ha introdotto politiche normative fortemente restrittive. Che aggrediscono le attività di trading ed il mining di monete virtuali. Con l’obiettivo di limitare la diffusione di tali mercati tra la popolazione cinese.

Ad esempio, a seguito delle misure anti mining di Bitcoin, la provincia di Guizhou ha reimpiegato l’enorme quantità di elettricità disponibile. Qualcosa come 50 terawattora, con cui supportare nuove iniziative ambientali. Come l’installazione di 38.000 stazioni di ricarica per veicoli elettrici entro il 2023.

Globalmente, la Cina mira a raggiungere una percentuale del 60% dei veicoli non alimentati da combustibili fossili entro il 2030. Un obiettivo ambizioso. Che supera del 50% l’analogo target fissato dagli Stati Uniti.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://vechainofficial.medium.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *