Il governo dice che l'aumento dell'IVA è ormai inevitabile. Addirittura, è l'Europa che ce lo chiede. D'altronde, era un passo già impostato dal precedente governo Monti. Insomma, è ineludibile. Gli esponenti politici si riempiono la bocca di promesse contro l'aumento dell'IVA, tanto poi le "larghe intese" approvano tutto: meglio continuare a spremere i cittadini, rischiando il blocco totale degli ultimi settori produttivi finora sopravvissuti, che ridurre anche solo di un'inezia gli sperperi tipo le pensioni d'oro.

Pubblicato in politica italiana

I grillini le chiamano le "Happy Five": aziende dai cognomi noti che ricevono fiumi di soldi dalla RAI per le fiction. La domanda: ora che sappiamo i nomi, cambierà qualcosa nella selezione delle aziende e soprattutto nella negoziazione dei prezzi?

Pubblicato in l'Italia dei furbetti
Lunedì, 02 Settembre 2013 19:21

Valentina Vezzali, campionessa di assenteismo

Due presenze su 1.043. Un vero record per una campionessa come la Vezzali. Di assenteismo però. D'altronde, come si difende l'olimpionica deputata, ci sono lavori che si fanno anche senza timbrare il cartellino: l'importante è che a fine mese lo stipendio arrivi sempre ottimo ed abbondante.

Pubblicato in politica italiana
Sabato, 17 Agosto 2013 14:00

tutti gli sprechi della Sanità

Se si facesse un giro per le varie strutture sanitarie nazionali, regione per regione, si scoprirebbe che il tariffario delle prestazioni è assolutamente disparato: una prestazione di qualche centesimo in una regione può arrivare a costare decine di euro in un'altra. Differente qualità del servizio? Speriamo proprio di no. Esigenza locale di spesare col ticket i costi della malasanità? Molto, molto probabile. Leggete i dettagli.

Pubblicato in il cittadino
Pagina 10 di 17