E' davvero incredibile: dopo decenni si scopre che una fabbrica che produce i materiali per ceramiche e sanitari di mezza Italia ha continuato a smerciare i propri prodotti contaminati da amianto, in barba alla legge che, da tempo, vieta l'impiego di tale componente. E chissà nel frattempo in quanti si sono ammalati per ci, e quanti lo faranno in futuro. Leggiamo bene.

Pubblicato in l'Italia dei furbetti