servizi notarili su blockchain: succederà in Cina, a Suzhou

blockchain

Sembra essere un’applicazione ideale per le tecnologie della blockchain. Archiviare e gestire pratiche e servizi notarili. Per via delle caratteristiche di sicurezza, immutabilità e disponibilità immediata proprie della catena di blocchi.

Abbiamo parlato di blockchain in Cina in questo articolo.

Servizi notarili custoditi ed erogati tramite le tecnologie della blockchain. Chissà se e quando succederà anche in Europa. Intanto, ci provano i cinesi. Ancora una volta, innovativi ed estremamente rapidi nel passare dall’intento alla decisione. E, soprattutto, all’azione.

La città cinese che guiderà questa innovazione è Suzhou. Una megalopoli da più di 10 milioni di abitanti ad ovest di Shanghai. Laggiù, l’amministrazione locale avvierà a breve l’allestimento di un’infrastruttura innovativa. Che, con impiego delle tecnologie della blockchain, punta a fornire ai cittadini una vasta gamma di servizi notarili.

Ne parla diffusamente il portale d’informazione China Quality News. In un recente articolo, dettaglia come il programma di ristrutturazione della città cinese permetterà a milioni di cittadini di accedere a uffici governativi e legali semplicemente tramite internet.

Si tratterà di allestire un’apposita piattaforma. Realizzata con la collaborazione del locale ufficio municipale per la vigilanza dei mercati e quello per la giustizia. La piattaforma includerà servizi legali inerenti la libertà personale. La salute. Il diritto della proprietà, e molto altro ancora.

Tutti i documenti da diffondere verranno innanzitutto inseriti in un apposito cloud. Addirittura, il cloud conterrà documentazione audio e video condivisa fra i notai aderenti all’iniziativa. Che avranno accesso semplificato alle funzioni di tracciamento in tempo reale.

Il network avrà un nome traducibile con “catena notarile di Suzhou”.

Come detto, permetterà alle autorità amministrative locali di svolgere i processi di notarizzazione completamente online. In modo più rapido ed efficiente, grazie alla condivisione dei file in cloud.

Attenzione. Non parliamo solo di un sistema di archiviazione dei dati, documenti audio e video in una sorta di database governativo. La piattaforma blockchain in questione conterrà tutte le singole informazioni utili alla risoluzione delle varie pratiche notarili. Ciò garantirà, dice l’articolo:

Semplice archiviazione dei dati. Alto livello di sicurezza. Impossibilità di manomissione e massima tracciabilità. Migliorando la trasparenza delle operazioni delle forze dell’ordine.

Chiaramente, vedremo meglio più avanti di cosa si tratta. Ma resta un fatto. La Cina, ancora una volta, dimostra ferma volontà a compiere passi da gigante. Verso l’adozione su scala nazionale della tecnologia blockchain, non solo per i servizi notarili. Abbiamo già raccontato, ad esempio, del lancio a maggio scorso del programma di un network blockchain. Nella provincia insulare di Hainan, per sostenere ed innovare i pagamenti transfrontalieri.

FONTE: http://www.cqn.com.cn/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *