Lunedì, 17 Dicembre 2018 11:25

pensioni all'estero e d'oro: prospettive per il 2019

Novità ai pensionati per il 2019 in chiave flat tax, sia per quelli cosiddetti d'oro per che quelli che vorrebbero rientrare in Italia, in particolare al sud.

Riprendiamo a parlare, dopo questo articolo, di pensioni.

Sintetizziamo gli aggiornamenti sulla flat tax, riferita ai pensionati all'estero che si trasferiscono nel sud Italia. E, con l'occasione, vediamo anche cosa bolle in pentola per il taglio alle pensioni d'oro.

Protagonista della materia è il fronte grillino: il taglio alle pensioni d'oro per il Movimento 5 Stelle resta una priorità. La cui misura potrebbe colpire come una mannaia le pensioni superiori ai 90 mila euro per i prossimi 5 anni, in misura proporzionale all'importo della stessa.

In soldoni, è il caso di dirlo, la proposta del capogruppo grillino in Senato Stefano Patuanelli prevedrebbe una decurtazione del 10 percento alle pensioni da 90 mila a 130 mila euro lordi, e del 20 percento alle pensioni da 130 mila a 200 mila euro. Poi, il taglio arriva al 25 percento per importi da 200 mila a 350 mila euro, e al 30 percento per importi da 350 mila a 500 mila euro. Per finire - e ci domandiamo quanti siamo questi pensionati ricconi - è previsto il taglio del 40 percento per gli assegni di pensione che superano i 500 mila euro. Sono ovviamente esclusi dal taglio in questione le pensioni liquidate interamente con il calcolo contributivo, gli assegni ad invalidi, a superstiti e vittime del terrorismo.

E' la Lega invece che guida il provvedimento che punta a ripopolare il Sud, stimolando il ritorno dall'estero di pensionati residenti fuori Italia da almeno 5 anni. E' un'idea già sentita: già in passato tale iniziativa era stata proposta e prontamente bocciata. Staremo a vede se stavolta ha più successo, e come si inserisce con il provvedimento di flat tax per questi nuovi (vecchi) cittadini.

Infatti, stavolta l'incentivo al rientro sarebbe proprio rappresentato dalla flat tax sulle pensioni, da far valere sia per gli stranieri che decidono di trascorre in Italia la pensione che per i pensionati italiani che da cinque anni o più si sono trasferiti all'estero - ed ovviamente accettano di rientrare attirati dallo sgravio fiscale.

Ad esempio, se dall'estero la residenza di questi espatriati viene portata in un Comune del meridione con popolazione inferiore ai 20 mila abitanti di Campania, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna, Basilicata, Abruzzo o Molise, la flat tax applicabile sarà con aliquota forfettaria al 7 percento. Mica male.

 

FONTE: https://www.investireoggi.it

Letto 34 volte