Il sito EXWEB il muro dei pensieri fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Sono utilizzati sia cookie tecnici sia, talvolta, cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Per maggiori informazioni si suggerisce di consultare anche le Condizioni di Utilizzo. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie, in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

 Stampa questa pagina
Venerdì, 29 Maggio 2015 15:31

pensione anticipata: chi ne gode, quando e a chi chiederla

Facciamo il punto di situazione: chi può godere della pensione anticipata, dopo quanti anni di contributi e soprattutto a chi inoltrare la domanda.

Intanto una precisazione: la pensione anticipata è una prestazione economica erogata dall'INPS a lavoratori dipendenti e autonomi che siano in possesso di determinati requisiti - e vediamo quali.

Un primo distinguo. partiamo dai soggetti che al 31 dicembre 1995 erano già in possesso di anzianità contributiva; in altre parole, a tale data avevano già versato i primi contributi. In tal caso, i requisiti richiesti per accedere alla pensione anticipata sono:

- 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 6 mesi per le donne, per ottenere il pensionamento nel periodo dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

- 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 e 10 mesi per le donne, per ottenere il pensionamento nel periodo dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018.

Beninteso, per raggiungere il requisito contributivo suddetto sono validi i contributi versati a qualsiasi titolo.

Inoltre, per coloro i quali accedono alla pensione anticipata con un età inferiore a 62 anni, è prevista una riduzione dell'assegno di pensione dell'1 percento per ogni anno di anticipo rispetto ai 62; poi, per ogni anno oltre l'anticipo di 2 anni la percentuale passa al 2 percento. Ancora, la riduzione dell'assegno si applica soltanto sulla quota di pensione calcolata con il sistema retributivo. Infine, nei riguardi di coloro che accedono alla pensione anticipata dal 1 gennaio 2015 e che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2017, la riduzione sull'assegno non si applica.

Secondo caso, i soggetti che hanno il primo accredito contributivo dal 1 gennaio 1996 . In tal caso si valutino i seguenti requisiti:

- 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 6 mesi per le donne, pensionamento dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

- 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 e 10 mesi per le donne, pensionamento dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018.

Per chi ha 63 anni di età ed almeno 20 anni di contribuzione effettiva versata, assunto che l'ammontare dell'assegno pensionistico sia pari o superiore a 2,8 volte l'importo dell'assegno sociali, il requisito anagrafico diventa di 63 anni e 3 mesi (per ottenere il pensionamento nel 2015) e 63 anni e 7 mesi (2016).

Caso a parte è rappresentato dal personale delle Forze di Polizia e delle Forze Armate, per i quali alla pensione anticipata si accede in uno dei seguenti casi:

- al raggiungimento dei 40 anni di contributi, indipendentemente dall'età

- al raggiungimento dei 35 anni di contributi, con almeno 57 anni di età

- al raggiungimento della massima anzianità contributiva, con un'età anagrafica di almeno 53 anni.

A questo punto, se avete soddisfatto i requisiti di cui sopra, a chi inoltrare la domanda? Facile:

- sul web, attraverso il portale dell’INPS usando il proprio PIN

- al telefono, contattando l'INPS al numero 803164 da rete fissa ed il numero 06 164164 da rete mobile

- tramite i patronati o CAF, i quali mettono a disposizione dei cittadini i servizi telematici.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 776 volte

Articoli correlati (da tag)