Max Keiser: solo le banche guadagnano con le valute fiat

Max Keiser e Altcoin

Il noto analista ed influencer del settore crypto riafferma ancora una volta la propria avversione pe i mercati finanziari tradizionali. E, soprattutto, la sua scarsa fiducia per gli istituti finanziari governativi ed il settore bancario.

Abbiamo parlato di Max Keiser in questo articolo.

Per Max Keiser, investire in denaro fiat non è un buon affare. Meglio rivolgersi a mercati più fruttiferi. Come i metalli preziosi. O, meglio ancora, il Bitcoin.

L’analogia che usa l’analista ed opinionista dei mercati virtuali è quello del gioco delle carte. Ecco, secondo lui il piccolo investitore è un po’ come un incauto giocatore seduto ad un tavolo di poker. Con accanto professionisti e bari di ogni genere. Ebbene, per Keiser il cittadino non potrà far altro che perdere, pian piano, la somma investita in valute fiat.

Lo spiega durante un episodio del suo show.

Il Keiser Report. Ecco il link dell’articolo sul portale RT. Pubblicato anche su YouTube il 15 ottobre, a questo link. Ed ecco un rapido estratto della sua opinione.

O siete uno Stato. Che può fare soldi svalutando la propria moneta e ottenendo tangenti da Wall Street. Per impacchettare tutta quella quantità di denaro sotto forma di obbligazioni a tasso di interesse negativo.

Oppure, avete una sola scelta. Si può provare a vincere questa partita solo con tre carte. Oro, argento e Bitcoin. Non puoi vincere diversamente. A meno che tu non sia uno Stato sovrano. O una grande banca d’investimento. Oggi il gioco è così.

La sua opinione è che questi sono gli ultimi mesi di un anno difficile.

Nel quale gli Stati Uniti hanno stampato ingenti quantità di denaro. E si trovano nel bel mezzo di difficoltà economiche e preoccupazioni per la pandemia da coronavirus. Con un’unica alternativa proposta dagli analisti: attività finanziarie diverse rispetto al denaro contante.

Keiser è dubbioso anche verso i mercati FOREX.

Il mercato Forex, gli spacciatori di carta moneta, le valute sovrane. Tutti cercano, cito testualmente, di “aumentare l’inflazione”. Ma sappiamo che è falso.

La verità è che stanno cercando di svalutare la loro moneta. Per incrementare le esportazioni, a spese di tutti gli altri al tavolo da poker. Questa è la partita geopolitica.

La domanda è: chi avrà la valuta peggiore in futuro?

Insomma, la tesi di Keiser è che i piccoli investitori hanno poco da guadagnare con gli asset legati alle valute fiat. Piuttosto, è la sua tesi, farebbero meglio a investire in metalli preziosi. Oro. Argento. E, soprattutto, valute virtuali come il Bitocoin. Dice lui, spesso in molti investono in questi tipi di asset. Per proteggersi dall’inflazione. E come assicurazione contro pericolose fluttuazioni economiche.

FONTE: https://www.rt.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *