la visione di Buterin a medio lungo termine per Ethereum 2.0

Vitalik Buterin e Ethereum

Vitalik Buterin torna a parlare della propria piattaforma di valute virtuali. Con uno sguardo al medio lungo termine. A partire dall’attesissimo passaggio ad Ethreum 2.0. Ed al consenso Proof of Stake.

Abbiamo parlato di Ethereum in questo articolo.

Buterin ci svela la sua visione a breve – lungo termine per Ethereum. Come spesso succede, utilizza il canale social di Twitter.

L’immagine qui sotto descrive, a blocchi, la road map del geniale programmatore russo. Attraverso azioni, controlli e passaggi di evoluzione tecnologica della propria piattaforma. Per garantire, innanzitutto, la scalabilità necessaria a supportare un numero sempre più vasto di applicazioni. Ed una sicurezza assoluta nel gestire i valori corrispondenti.

Vitalik Buterin - roadmap per Ethereum
roadmap di Ethereum – fonte: Twitter.com

Non c’è, tra i vari blocchi, nulla che parli dell’emergenza COVID-19.

Perché la roadmap per Ethereum di Buterin va oltre l’emergenza in corso. Perché ricerca e sviluppo continueranno indipendentemente dalle recenti difficoltà. Fino al punto in cui si fondono le blockchain attuale e quella di aggiornamento. La cosiddetta blockchain di Ethereum 2.0. E, si legge nel blocco centrale, sarà “no more PoW”. Fine del meccanismo energivoro Proof of Work.

Rimandiamo ai contenuti tecnici del post di Buterin per gli eventuali approfondimenti. Mettiamo però in evidenza che, secondo Buterin, il prossimo aggiornamento di Ethereum renderà il sistema meno complesso. Grazie al fatto che le future modifiche risolveranno i problemi già individuati. E tuttora da risolvere:

L’approccio “quadratic sharding as end of history” assicura che non sarà necessario un altro aggiornamento grande tanto quanto il passaggio da Ethereum 1.0 (la versione attuale) a Ethereum 2.0. Al contrario, a partire da Ethereum 2.0 le cose diverranno più incrementali.

Con l’occasione, Buterin ha anche ripercorso gli ultimi due anni di evoluzione di Ethereum:

In generale, negli ultimi due anni è avvenuto un solido passaggio. Da un tipo di ricerca puramente teorico, che tentava di comprendere cosa fosse possibile fare. Ad una ricerca più concreta e orientata allo sviluppo, mirata all’implementazione e all’ottimizzazione di specifici “primitive”.

E la comunità come ha reagito? In molti hanno espresso giudizio positivo al messaggio di Buterin. Ed hanno confermato il proprio supporto per la futura evoluzione del progetto. Ma non tutti la pensano così. Alcuni sono rimasti sospettosi dalla lettura tecnica della evoluzione della criptovaluta. Domandandosi se tutte queste modifiche porteranno, aldilà delle migliorie prestazionali, l’atteso aumento di prezzo.

FONTE: https://twitter.com/VitalikButerin

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *