Il sito EXWEB il muro dei pensieri fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Sono utilizzati sia cookie tecnici sia, talvolta, cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Per maggiori informazioni si suggerisce di consultare anche le Condizioni di Utilizzo. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie, in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

 Stampa questa pagina
Mercoledì, 11 Dicembre 2013 12:16

la rivolta dei forconi: chi sono e cosa vogliono

Da tempo si diceva "ormai la gente non ce la fa più, qui si arriva ai forconi". Beh, qualcuno ha raccolto l'invito, ed è sceso per le strade per davvero, bloccando i trasporti pubblici. Ma aldilà dell'ovvio significato di immagine, vediamo chi c'è dietro la rivolta dei forconi e soprattutto cosa vogliono.

Tutto è cominciato la sera di domenica 8 dicembre: blocchi stradali, blocchi ferroviari, assalti urbani, presidi, cortei e volantinaggi: hanno  bloccata una buona porzione d'Italia al grido della "mobilitazione dei forconi".

Scene da guerriglia urbana a Torino, paralisi dei treni in Liguria, caos a Milano, tensioni in Triveneto e Emilia-Romagna, disagi nel meridione, in particolare in Puglia, Campania e Sicilia. Sono agricoltori, rappresentanze di autotrasportatori, ma anche artigiani e commercianti, piccoli imprenditori, disoccupati, studenti, addirittura semplici cittadini. Ed in mezzo a tutti loro, alcuni simpatizzanti di estrema destra. Al grido "fermiamo l'Italia".

Franco Cupi, del movimento "popolo dei forconi" - nato in Sicilia insieme al "movimento dei forconi", dal quale si è in seguito staccato - spiega che si tratta di gente "di tutto il mondo del lavoro, non ci sono categorie separate dalle altre". Appunto i forconi sono "un simbolo del lavoro che ricorre spesso nelle rivolte popolari: quando la gente non ne poteva più, impugnava i forconi".

Un movimento cui aderiscono entità diverse in un miscuglio complesso: azione rurale Veneto, associazione autotrasportatori liberi, Life Veneto, CRA, COBAS latte, e via dicendo: tutte realtà che non si riconoscono nei sindacati di categoria. Perchè, a loro dire, i sindacati difendono le categorie, mentre la loro è una protesta del popolo. "Ci stanno uccidendo con la disperazione, la perdita della dignità, ci stanno togliendo tutto, anche le case", spiega ancora Cupi.

E cosa chiedono, contro cosa combattono coi forconi in mano? basta leggere il loro volantino, distribuito nelle piazze.

1. contro "il Far West della globalizzazione, che ha fatto sparire il lavoro: l'Italia si ferma perché ci hanno accompagnato alla fame".

2. contro "questo modello di Europa, per riprenderci la sovranità dei popoli e monetaria". Quindi, c'è chi dice di uscire dall'euro e chi propone la creazione, accanto all'euro, di una moneta locale complementare, diciamo a "velocità diversa". In finale, si chiede un referendum popolare.

3."per riappropriarci della democrazia".

4. "contro il governo, un governo di nominati", quindi per tornare a votare prima possibile con una nuova legge elettorale più vicina alla volontà del popolo e non ai giochetti delle liste bloccate dai parliti.

5. per difendere "la nostra dignità, contro le politiche di auterità". Ma anche contro EQUITALIA: "il movimento dei forconi è un'associazione di agricoltori, pastori, allevatori stanchi del disinteresse e del maltrattamento da parte delle istituzioni", si legge nella pagina Facebook del movimento creata da Martino Morsello, ex imprenditore siciliano di Marsala. Lo stesso Morsello aggiunge: "il mio allevamento di pesce, che aveva 120 dipendenti, è fallito nel 2003". Per lui "la battaglia delle battaglie è bloccare tutte le procedure esecutive, in primis quelle di insolvenza, e poi quelle di fallimento".

Ma attenzione a non far confusione: movimento dei forconi e popolo dei forconi sono due anime nate dallo stesso contesto siculo ma poi cresciute separatamente.

 

FONTE: http://www.ilsole24ore.com

Letto 1142 volte

Articoli correlati (da tag)