La carta di debito PolisPay include Dash

PolisPay credit card
Tempo di lettura: 2 minuti

Con la carta di debito PolisPay, gli utenti possono ricevere valuta virtuale Dash e pagare in valuta fiat. Con la comodità di una MasterCard.

Abbiamo parlato di tecnologie a supporto delle criptomonete in questo articolo.

E’ il risultato del lavoro di un gruppo di progetto che da tempo unisce menti innovative del mondo delle carte di credito e della blockchain. Con l’obiettivo di offrire a comuni utenti una carta di debito in moneta fiat comoda nel quotidiano come qualunque altra. Ma caricata a criptomonete. E da ora, il carnet di PolisPay include anche Dash.

E’ noto, infatti, che da un lato il mercato delle criptomonete è in espansione. Attraverso applicazioni fintech (e non solo) che sfruttano la tecnologia della blockchain. Dall’altro lato, però, l’utente comune ha bisogno di uno strumento semplice – come una carta di debito in moneta fiat – con cui spendere le proprie monete virtuali. Offrire tale servizio all’utente comune vuol dire aumentarne enormemente la popolarità e l’utilizzo quotidiano.

Il progetto della moneta virtuale Dash e quello di PolisPay si sono in qualche modo incontrati. Nel desiderio comune di innovare e favorire, appunto, l’adozione di massa delle criptovalute.

Il progetto PolisPay è stato avviato nel 2017. Da allora, la piattaforma ha visto l’integrazione con una criptomoneta dopo l’altra. E con il circuito globale MasterCard.

Vuol dire che la carta di debito PolisPay può essere usata per pagamenti e prelievi di contante in tutti gli ATM abilitati al circuito MasterCard. In altre parole, PolisPay può essere usata praticamente dappertutto.

Attraverso l’integrazione con svariate criptomonete, dal Bitcoin a tanti Altcoin come appunto Dash, si offre per l’uso quotidiano uno strumento che, automaticamente ed in modo trasparente, converte le proprie criptomonete in valuta fiat e ne permette la spesa nel modo più semplice ed immediato possibile. Creando, di fatto, un ponte diretto tra monete virtuali e monete fiat. Permettendo la spesa di criptovalute nei tanti esercizi commerciali che ancora non la supportano.

In dettaglio, chi viene pagato con la carta di debito – un negozio, un ristorante, un supermercato – riceve moneta fiat. Il circuito PolisPay converte l’importo nella criptomoneta scelta per l’addebito, ad esempio Dash. E quindi addebita l’importo corrispondente in Dash. Tutto quello che deve fare l’utente è accreditare monete virtuali nel proprio wallet PolisPay. Che l’utente vede, con l’App PolisPay, come credito prepagato.

Le criptomonete non sono ancora utilizzabili presso tanti comuni esercizi commerciali. L’utilizzo delle monete virtuali resta, purtroppo, ancora limitato ad esercizi legati a tecnologie innovative, ma non copre ancora sufficientemente il mondo reale. Proprio per avvicinare i due mondi, quello virtuale e quello reale, esistono progetti come PolisPay. Carte di debito che si utilizzano come comuni carte in valuta fiat. Ma che si caricano in moneta virtuale. Evidentemente, il prossimo passo sarà la creazione di carte di debito che, invece, utilizzano direttamente criptovalute. Senza necessitare di alcuna conversione.

FONTE: https://medium.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *