Kessler Collection: pagamenti in Bitcoin negli hotel di lusso

Kessler Collection

Si tratta di una importante catena di alberghi di lusso negli USA. Che ha iniziato ad accettare pagamenti in criptovalute. Bitcoin, innanzitutto. Ma anche altre criptovalute e stablecoin.

Abbiamo parlato di pagamento con criptovalute in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Kessler Collection accetterà pagamenti in Bitcoin ed altre criptovalute. Ne parla un comunicato stampa riportato martedì scorso da PR Newswire, a questo link. Secondo il quale la catena di hotel di lusso ha concluso un progetto di collaborazione con il servizio di pagamenti crypto BitPay. Finalizzato ad abilitare per i clienti il pagamento in valuta virtuale. D’altronde, Kessler Collection è l’ennesimo marchio di lusso che collabora con BitPay per abilitare i pagamenti in Bitcoin per i propri prodotti e servizi.

Kessler Collection consentirà il pagamento non solo in Bitcoin.

Trezor - hardware wallet

Anche in altre monete virtuali. Ethereum, innanzitutto. Poi stablecoin, come USD Coin, Paxos Standard, Binance USD e Gemini Dollar. Addirittura, Dogecoin.

Fravy Collazo è Chief Financial Officer della società. Per lui, il sistema di pagamento in valuta virtuale aiuterà anche a ridurre i problemi legati al cambio di valuta per gli ospiti internazionali.

È uno dei concetti più innovativi nel settore dell’ospitalità in questo momento. Credo che le criptovalute guadagneranno sempre più l’accettazione delle persone. La collaborazione con BitPay ci consente di offrire più scelte nel processo di pagamento.

In effetti, l’intero settore del turismo e dell’ospitalità sta pian piano convergendo verso i pagamenti in criptovaluta. Dalle compagnie aeree alle agenzie di viaggio. Colpa, o merito, anche della pandemia da COVID-19, e di come ha impattato sul business dei viaggi globali, accelerando il processo di transizione verso canali di pagamento in valuta virtuale, tra digitalizzazione del settore e prioritizzazione dei protocolli contactless.

Ancora, accanto ai pagamenti crypto le compagnie aeree stanno valutando l’uso della tecnologia blockchain per contrastare la diffusione del coronavirus. A febbraio scorso, Air France ha reso noto che avrebbe lanciato dei test su un sistema blockchain che verificasse i risultati dei test sul COVID-19 per i passeggeri.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://www.prnewswire.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *