in Italia il Bitcoin batte le carte di credito per gli acquisti online

Bitcoin accepted here

E’ un dato inaspettato. A quanto risulta da un rapporto specifico, in Italia gli acquisti online si fanno maggiormente con Bitcoin che con la classica VICA o MasterCard.

Abbiamo parlato di e-commerce in questo articolo.

In Italia gli acquirenti online preferiscono il Bitcoin alle carte di credito. Lo riferisce una recente indagine della società di analisi di marketing SEMRush. Più precisamente, i risultati di una analisi specifica di SEMRush sono stati pubblicati il 13 ottobre scorso da La Stampa.

Ebbene, la società di analisi di mercato di Boston rileva che il Bitcoin è il terzo metodo di pagamento online più utilizzato in Italia.

Preceduto solo da PayPal. E dalla carta prepagata delle Poste Italiane, la PostePay. Invece, la stessa fonte rivela che forme di pagamento più “classiche”, come la carta di credito, sono invece meno usate negli acquisiti online.

Vediamo i numeri. Sempre attenendoci a quanto pubblicato da La Stampa. Il Bitcoin viene utilizzato in Italia più di 215.800 volte al mese per gli acquisti online. Inaspettatamente, la prima carta di credito compare solo con 189.000 acquisti al mese. E’ American Express. Poi, seguono Visa e MasterCard, con 33.950 transazioni online al mese.

Nell’areana online dominano ancora PayPal e PostePay. Il servizio di pagamenti online PayPal è primo incontrastato. E’ la scelta numero uno per gli acquisti online in Italia. Ce lo dice l’incredibile volume di transazioni al mese, parliamo di 1,3 milioni. Segue al secondo posto PostePay, la carta prepagata di Poste Italiane. Peraltro a breve distanza, con circa 1,2 milioni di transazioni al mese.

Il mercato online, quello che in gergo si chiama business-to-customer dell’e-commerce, è un affare globale gigantesco. Pensate, nel 2018 circa il 64% degli italiani ha effettuato almeno un acquisto online. Le cifre parlano di 40 miliardi di euro spesi in Italia, in gran parte tramite PayPal, PostePay e Bitcoin.

FONTE: https://finanza.lastampa.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *