il mondo è in lockdown, la Cina procede con lo yuan digitale

yuan digitale cinese

In tutto il mondo si discutono le soluzioni per arginare la grave recessione in corso, azionata dalla pandemia. Nel frattempo, si apprende che la Cina sta portando avanti, senza interruzioni, il proprio progetto di yuan digitale.

Abbiamo parlato di yuan digitale in Cina in questo articolo.

Come purtroppo ben sappiamo, gran parte del mondo è tuttora in “lockdown“. Sì, insomma, i settori produttivi, a parte quelli dedicati ai servizi di mera “sopravvivenza”, hanno le saracinesche abbassate.

E l’economia di ciascun Paese soffre una recessione mai vista. Mentre gran parte dei cittadini sono a casa. Concentrati sui bisogni primari. Mangiare. Curarsi. Sopravvivere.

A quanto pare, invece, la Cina è tutt’altro che ferma. Va avanti con il proprio progetto di yuan digitale. Ossia, una moneta virtuale ancorata a quella nazionale. Uno stablecoin governativo, insomma. Un Central Bank Digital Currency (CBDC).

Ci aggiorna Twitter. Attraverso il post pubblicato da Ling Zhang. Executive Director of M&A and Global Fiat dell’exchange di criptovalute Binance. Post poi condiviso dallo stesso CEO di Binance. Changpeng Zhao.

Le immagini incluse nel post mostrano l’App per smartphone dedicata a gestire la criptovaluta governativa cinese. O quantomeno, una “beta version” di tale software.

App per smartphone -  Yuan_digitale
presunta App per gestire lo yuan digitale – fonte Twitter.com

Secondo Ling Zhang, l’App è una versione di prova. Disponibile in quattro città “campione”. Quattro metropoli cinesi in cui testare il funzionamento dell’infrastruttura della moneta virtuale. Shenzhen, Chengdu, Suzhou e Xiongan.

Tra le quattro città, Zhang evidenzia l’inclusione di Xiongan.

Si tratta di una metropoli molto moderna. Situata nella periferia di Pechino. Che ospita il cosiddetto “Smart City Brain Project”. E che implementa le maggiori tecnologie “smart” disponibili in Cina. Come i servizi d’informazione tramite satellite. O il riconoscimento tramite sensori. La rete 5G. Le strutture per accedere ai big data.

Proprio Xiongan ha già attirato le attenzioni dei colossi cinesi della tecnologia. Tencent. Alibaba. JD.com. Baidu. Addirittura, la città è stata visitata in più di un’occasione dal presidente Xi Jinping, entusiasta dei progressi. Ancora, Changpeng Zhao ha lodato la citata App dello yuan digitale. E la determinazione della Cina nel portare avanti questo progetto.

La Cina, è evidente, è un passo avanti a tutti nel settore ICT e fintech. Pare infatti che, in piena epidemia da coronavirus, la banca centrale cinese abbia ulteriormente accelerato lo sviluppo dello yuan digitale.

Ce lo ha confermato il 24 marzo il Global Times. Secondo cui la People’s Bank of China aveva completato, nei mesi scorsi, le funzioni base della moneta. E stava già lavorando all’elaborazione di un quadro normativo per semplificarne l’adozione nell’economia.

FONTE: https://twitter.com/lingzh1220

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *