euro digitale: per Christine Lagarde, l’Europa deciderà nel 2021

Christine Lagarde

Christine Lagarde torna a parlare di euro digitale. Per il presidente della Banca Centrale Europea, l’Unione Europea prenderà una decisione l’anno prossimo. Sulla base della consultazione lanciata a ottobre scorso.

Abbiamo parlato di euro digitale in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Parla di euro digitale nientemeno che Chistine Lagarde. Presidente della BCE. Per lei, l’istituto europeo verosimilmente prenderà una decisione in merito al lancio della CBDC comunitaria nel 2021. Forse, addirittura all’inizio dell’anno.

Dichiarazioni pronunciate durante un panel, rigorosamente online, tenutosi il 12 novembre scorso. Ecco il link dell’evento. In cui Lagarde ha dichiarato:

La Banca Centrale Europea non sta correndo per arrivare prima verso l’obiettivo di una CBDC.

Ad ogni buon conto, afferma il presidente, i risultati della consultazione in merito, lanciata ad ottobre, saranno disponibili a partire da gennaio 2021.

A quel punto decideremo se procedere o meno con l’euro digitale. Ho la sensazione che potremmo andare in quella direzione. Anche se questa è una decisione che sarà presa collettivamente.

Per Lagarde, la BCE dovrà verificare attentamente l’ipotesi di euro digitale. Nei riguardi di due aspetti fondamentali relativi alle CBDC: la privacy degli utenti, la lotta al riciclaggio di denaro ed il finanziamento del terrorismo.

Lagarde ha anche citato altri esempi di CBDC.

Trezor - hardware wallet

E non solo: ha citato, per iniziare, il progetto Libra di Facebook. E, subito dopo, ha ricordato i progressi in Cina con lo yuan digitale.

Ebbene, a suo dire, la BCE non deve correre rischi di lanciare in tutta fretta un progetto ancora non maturo. Non stabile. Tuttavia, ha indicato una stima approssimativa della finestra temporale di riferimento, nel caso la BCE dovesse decidere di procedere.

Questo è un progetto che probabilmente ci richiederà due, tre o quattro anni prima di essere lanciato.

Nel panel sono intervenuti anche altri “pezzi da novanta” dell’economia mondiale. Come il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell. Ed il governatore della Banca d’Inghilterra, Andrew Bailey.

Lo stesso Powell concorda con Lagarde sul fatto di pazientare per avere un progetto, eventuale, di euro digitale stabile e maturo. Invece che correre ad essere i primi sul mercato.

D’altro canto, Lagarde aveva già reso noto, in precedenti occasioni, il suo sostegno all’euro digitale. Sin dai tempi in cui era a capo del Fondo Monetario Internazionale. Addirittura, come presidente della BCE ha recentemente avviato una consultazione pubblica. Per ottenere un feedback dagli utenti su ciò che si aspettano da un euro digitale.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://www.ecb.europa.eu/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *