Ethereum: soluzioni Layer-2 elaborano più transazioni del Bitcoin

Ethereum virtual currency

Tante sono le soluzioni Layer-2 di Ethereum. Si appoggiano, per così dire, sulla blockchain principale per erogare servizi con prestazioni accelerate e costi altrimenti insostenibili. Sono soluzioni che raccolgono una sempre più ampia adesione. Addirittura, il numero di transazioni finalizzate supererebbe quello dell’intera rete Bitcoin.

Abbiamo parlato di Ethereum in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Le transazioni su Layer-2 di Ethereum supererebbero quelle su rete Bitcoin. Ecco il risultato del fatto che, negli ultimi mesi, il prezzo del gas di Ethereum è salito alle stelle.

Tanto che gli utenti si sono sempre più rivolti ai protocolli di scalabilità Layer-2. Di conseguenza, un numero sempre maggiore di transazioni giornaliere viene finalizzato su tali piattaforme. Addirittura, si è registrato il “sorpasso” delle soluzioni Layer-2 di Ethereum sul Bitcoin.

Ci affidiamo alle misure di Coin Metrics. Rilanciati e diffusi da Evan Van Ness. Un analista di settore. Nonché fondatore di Week In Ethereum News. Numeri alla mano, ci dice Van Ness su Twitter, il 6 settembre sono avvenute più transazioni sui network Layer2 di Ethereum che sulla rete Bitcoin. Ecco il link del post.

Curiosità. Sono già presenti più transazioni giornaliere sui Layer-2 di Ethereum (circa 250.000) che su Bitcoin (circa 210.000, riportate ieri da @coinmetrics).

I Layer-2 su ETH si stanno solo riscaldando.

In dettaglio, sottolinea l’analista, StarkWare rappresenta la maggior parte di tali volumi. Parliamo di 143.000 transazioni al giorno su differenti piattaforme DeFi. Ad esempio, sull’exchange dYdX. O sulla piattaforma Layer-2 NFT Immutable X.

l più recente esempio è Arbitrum. Una soluzione introdotta sul mainnet appena il primo settembre. Che ha già registrato circa 56.000 transazioni. La piattaforma Arbitrum One sta già attirando grandi nomi della DeFi. Tra cui Aave, Chainlink e Uniswap, che stanno valutando diverse soluzioni Layer-2.

Poi c’è Optimistic Ethereum. Conta circa 28.000 transazioni. Uniswap ha implementato il suo protocollo v3 su Optimism a luglio scorso. E già esiste una versione Layer-2 anche della piattaforma di trading DeFi Synthetix/Kwenta.

Va però detto che Van Ness ha fatto i conti in modo discutibile.

Trezor - hardware wallet

Ha messo a confronto i Layer-2 di Ethereum contro il Layer-1 di Bitcoin. Cioè, senza considerare Lightning Network. Van Ness ha così risposto.

A parer mio, data la bassa quantità bloccata, il Lightning Network ha pochissima trazione. Ma sarei felice se qualcuno mi mostrasse prove del contrario.

Sanket Shah è lo strategy lead di Polygon. Costui ha analizzato le statistiche di rete per arrivare alla seguente conclusione. Le transazioni più piccole sono quelle predominanti. In un post su Twitter del 7 settembre, a questo link, fa sapere che le transazioni del 45% di tutti gli indirizzi sono di valore inferiore a 1,45 dollari.

Parliamo poi di costi di trasferimento di Ethereum. L2fees ritiene che, ad oggi, Loopring sia la piattaforma più conveniente. Con un costo di soli 0,40 dollari. Molto poco rispetto zkSync di Matter Labs costa circa il doppio a 0,83 dollari, Arbitrum One 2,75 dollari e Optimism 5,83 dollari.

Ethereum Layer-1, invece, costa quasi 11 dollari. Con punte, ultimamente, anche di 40 dollari.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://twitter.com/evan_van_ness

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *