El Salvador: Bitcoin legalizzato ma società di rimesse esitano

El Salvador e Bitcoin

Sappiamo che nel Paese dell’America Centrale il Bitcoin è diventato recentemente a corso legale. Tuttavia, al momento le società di rimesse appaiono restie a supportare la moneta virtuale. Potrebbero essere in attesa che la domanda della clientela aumenti.

Abbiamo parlato di Bitcoin in El Salvador in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

In El Salvador il Bitcoin è a corso legale, ma la criptovaluta tarda ad integrarsi nel settore delle rimesse. Un’apparente stranezza, incongruenza se volete. Evidenziata in un articolo di Reuters a questo link.

Nell’articolo si pone l’accento sulla legge recentemente approvata nella Repubblica centroamericana. Grazie alla quale il Bitcoin ora può circolare nel Paese in questione come moneta a corso legale. Ma, al tempo stesso, si evidenzia come le società di rimesse in El Salvador tardino ad adottare il Bitcoin.

L’analista fintech Kenneth Suchoski, di Autonomous Research, ha la sua teoria.

Trezor - hardware wallet

Per lui è improbabile l’integrazione del supporto alle valute virtuali da parte delle società di rimesse. Quantomeno finché la domanda dei clienti non le spingerà a farlo. Con la conseguenza di creare una potenziale situazione di stallo per l’intero settore dei pagamenti locale.

Per Western Union e alcuni degli altri fornitori di rimesse, occorre ricordare che il volume nel settore delle rimesse fluisce dai mercati sviluppati ai mercati emergenti. Principalmente verso persone, famiglie e amici, che operano in contanti.

Addirittura, Suchoski stima che meno dell’1% delle rimesse transfrontaliere globali avvengano usando crypto asset.

Consideriamo che il Bitcoin non è adottato e non presenta una diffusa accettazione. Quindi, questi fornitori di rimesse rimarranno rilevanti negli anni a venire.

Fa sapere la sua anche MoneyGram International. Gigantesca azienda di pagamenti globali.

Abbiamo creato un ponte per collegare Bitcoin e altre valute digitali alla valuta fiat locale.

Man mano che le crypto e le valute digitali crescono di importanza, un ostacolo centrale all’ulteriore crescita sono le on/off ramp per valute fiat locali.

Proprio un mese fa, MoneyGram ha reso nota la partnership con Coinme. Finalizzata a consentire agli utenti la compravendita di crypto asset tramite dollari USA. Con servizi accessibili in 12.000 punti vendita al dettaglio negli Stati Uniti.

Altro aspetto cruciale, per Suchoski, è rappresentato dagli oneri di conformità. Con cui le società di pagamento possono supportare crypto asset. Ebbene, nell’arco dell’ultimo decennio tali costi annui per Western Union sono pressoché raddoppiati. Da circa 100 milioni a ben 200 milioni di dollari.

Billfodl - seed custodian

FONTE: http://www.reuters.com

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *