Digitec e Galaxus accettano pagamenti in criptovaluta

Digitec Galaxus
Tempo di lettura: 2 minuti

Parliamo dei più importanti store online della Svizzera. Secondo l’annuncio ufficiale, Digitec e Galaxus aprono le porte ai pagamenti in moneta virtuale.

Abbiamo parlato di sistemi di pagamento in criptovaluta in questo articolo.

Digitech e Galaxus sono i due maggiori negozi online della Svizzera. La notizia campeggia sul portale di Digitech. Sono accettate criptovalute per i pagamenti dei propri ordini in rete. E non solo Bitcoin. Sono accettati anche Bitcoin Cash (BCH), Bitcoin Cash SV (BSV) ed Ethereum (ETH). Ripple (XRP), Binance Coin (BNB) e Litecoin (LTC). TRON (TRX), OmiseGo (OMG) e NEO (NEO). Unico vincolo: l’acquisto deve essere per un importo superiore a 200 franchi svizzeri (CHF). Ossia, circa 200 euro.

La portata della notizia, già solo in Svizzera, è notevole. I negozi insieme gestiscono la vendita di circa 2,7 milioni di prodotti. Dalla tecnologia alle bevande, al vestiario e tanto altro ancora. Secondo ecommerceDB, il noto sito di analisi e-commerce, il loro fatturato corrisponde a oltre 261 milioni di dollari USA, dato del 2018. Numeri che pongono i due negozi, insieme, al 341esimo posto nella classifica mondiale dei più grandi store online.

Oliver Herren, co-fondatore di Digitec, si esprime così:

Le criptovalute sono affascinanti e potrebbero diventare un mezzo di pagamento rilevante nell’e-commerce. Per quanto ci riguarda vorremmo sostenere questo sviluppo. Ovviamente, mi aspetto che tutti i criptomilionari svizzeri da ora in poi acquistino i nostri prodotti 🙂

Il progetto di integrazione della piattaforma dello store online con il pagamento in criptomonete è parte di un progetto pilota dell’azienda di pagamenti online svizzera Datatrans AG. Insieme alla startup danese Coinify.

Funziona così. In fase di pagamento dell’ordine sul portale degli store svizzeri, il cliente può scegliere di pagare in criptovaluta. In al caso, viene indirizzato alla pagina di Coinify per scegliere la propria moneta virtuale. Poi, riceve la quotazione applicata in moneta fiat, valida per 15 minuti, e tutti i necessari estremi di pagamento, contenuti in un apposito QR code.

Gli unici oneri caricati per il pagamento in criptomonete viene da Coinify, per l’1,5% dell’importo dell’ordine. Più, ovviamente, i transaction fee per la specifica moneta virtuale. Qualche minuto per la conferma del pagamento ed il checkout si chiude. Tutto qui.

Detto così, pare che il servizio è limitato alla sola clientela svizzera. Ovvero, solo in franchi svizzeri. Non è completamente vero. Assicurano gli store svizzeri, se la novità sarà accolta con entusiasmo dai clienti sarà estesa anche a quelli tedeschi. E poi, chissà.

In conclusione, anche i grandi gruppi di e-commerce come Digitec e Galaxus hanno capito che offrire il metodo di pagamento in criptovalute può aumentare i loro volumi di business. Verosimilmente, nelle fasce di età più giovani e maggiormente interessati alle nuove tecnologie. Anche Rakuten, importante store online giapponese, ha recentemente mosso lo stesso passo verso il pagamento in criptovalute. Resta da attendere la mossa, eventualmente, di Amazon.

FONTE: https://www.digitec.ch

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *