Digital Dollar Project: ecco l’iniziativa USA per la CBDC

Digital Dollar Project

Sembrava che negli USA non ci fosse reale interesse per il lancio di una criptovaluta governativa. Ora invece esce l’annuncio della partnership tra Accenture e la Digital Dollar Foundation. Per lo studio di una CBDC americana. Il Digital Dollar, appunto.

Abbiamo parlato di CBDC in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Accenture e Digital Dollar Foundation al lavoro per studiare una CBDC negli USA. Nei prossimi 12 mesi partiranno cinque programmi pilota. Per raccogliere dati sul lancio, eventuale, del dollaro USA digitale.

Accenture la conosciamo. Si tratta di una società nella lista Fortune 500. Una lista compilata ogni anno dalla omonima rivista con le maggiori imprese societarie statunitensi per fatturato. Ebbene, questa grande società ha stretto una intesa con la Digital Dollar Foundation. Per verificare la possibilità di lanciare una Central Bank Digital Currency, una CBDC, negli Stati Uniti.

Ne danno annuncio il 3 maggio. Ieri. Ecco il link del comunicato sul web. In cui si parla di una CBDC negli USA, oggetto del neonato Digital Dollar Project. Che inizierà con cinque diversi programmi pilota nel corso dei prossimi dodici mesi. Durante i quali il progetto raccoglierà una vasta gamma di dati. Benefici funzionali, sociologici e aziendali innanzitutto. Dati con cui supportare la decisione della politica americana. Se sviluppare o meno una valuta digitale governativa.

Accenture non è nuova a supportare progetti del genere.

Trezor - hardware wallet

Ha iniziato a lavorare su progetti di CBDC in Canada. A Singapore. In Francia. Persino in Svezia, dove pare si sia già completata la prima fase del proprio programma pilota.

Christopher Giancarlo è stato presidente della Commodity Future Trading Commission. Ed è cofondatore della Digital Dollar Foundation. Costui ha evidenziato come mancassero negli Stati Uniti informazioni riguardanti le CBDC.

Ogni settimana spuntano conferenze e documenti da tutto il mondo sulle CBDC con dati di altri Paesi. Ciò che manca sono dati reali e test condotti dagli Stati Uniti. Stiamo cercando di generare anche noi tali dati.

Accanto, dobbiamo rilevare un atteggiamento cauto dalla Federal Reserve, l’istituto custode della valuta di riserva mondiale. Stando alle parole del presidente Jerome Powell, è importante fare le cose per bene. Piuttosto che affrettarsi a lanciare una CBDC al solo scopo di arrivare prima di altri.

Giancarlo è d’accordo con il presidente Powell. Meglio muoversi con cautela. Tuttavia, in questo modo gli Stati Uniti rischiano di rimanere indietro.

Indietro alla Cina, innanzitutto, che ormai è pronta al lancio della propria valuta nazionale digitale. L’avvio dello yuan digitale, si dice, potrebbe accadere in occasione del festival dello shopping del 5 maggio. Ossia, domani.

Nel mondo è altissimo l’interesse per le CBDC. Stando ad uno studio condotto dalla Banca dei Regolamenti Internazionali, la BIS, l’80% delle banche mondiali ha già avviato specifici studi per lanciare proprie CBDC.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://www.squarespace.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *