CoinMENA, exchange in Bahrain “conforme alla Sharia”

Bitcoin in Bahrain

Succede nel Golfo Persico. Dove il piccolo ma ricco regno concede ad un crypto exchange la licenza di conformità alla legge islamica.

Abbiamo parlato di regolamentazione delle criptovalute in Medio Oriente in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

CoinMENA è un exchange. Come recita un annuncio del 24 gennaio scorso da un portale di news locali, aprirà i battenti presto, in Bahrain. Ecco il link dell’annuncio.

Come tanti altri, per operare ha bisogno di licenza. La particolarità del caso in questione è che questa licenza vuol dire essere conforme alla legge islamica. La legge vigente nel Regno mediorientale.

La licenza, in dettaglio, si chiama “Crypto Assets Services Company License”. Viene concessa dalla Banca Centrale del Bahrain, CBB. Certifica che l’exchange è regolamentato e piattaforma onshore. Che soddisfa tutti i requisiti operativi, tecnici e di sicurezza stabiliti dalla banca centrale. E che, come verificato dalla Shariyah Review Bureau, l’exchange CoinMENA è una piattaforma conforme alla Sharia.

Consente all’exchange CoinMENA di operare nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa. Inclusi il Bahrain. Gli Emirati Arabi Uniti. L’Arabia Saudita. Il Kuwait. L’Oman.

Al momento sappiamo che inizierà con cinque criptovalute.

Trezor - hardware wallet

Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin e Bitcoin Cash. Inoltre, avrà una piattaforma over the counter dedicato alle transazioni più grandi. Che fornisce ai clienti un manager dedicato a supervisionare ogni scambio OTC.

Dina Sam’an è cofondatore e CEO dell’exchange CoinMENA. Costui ha spiegato che, dopo il lancio, la società si espanderà in altri Paesi.

Man mano che CoinMENA crescerà, forniremo l’accesso a ulteriori asset digitali. Ed espanderemo le giurisdizioni in cui operiamo. Con l’obiettivo di diventare uno dei principali exchange di asset digitali a livello globale.

Il progetto di CoinMENA e della sua piattaforma di crypto exchange va avanti da oltre due anni. Alla fine del 2019, la società si è rivolta allo Shariyah Review Bureau per gestire e supervisionare la certificazione ed i servizi di audit legati alla Sharia applicata agli asset digitali.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://www.zawya.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *