Martedì, 25 Settembre 2018 11:08

canone RAI: se esente è previsto il rimborso?

Si è esenti dal pagamento dellaa tassa se over 75 e con ISEE sotto gli 8 mila euro. Se abbiamo, invece, già pagato e poi ci siamo resi conto di essere esenti (ad un certa, succede), possiamo ottenere il rimborso?

Torniamo a parlare, dopo questo articolo, della tassa più odiata dagli italiani, il canone RAI.

Come spesso facciamo, immaginiamo una situazione tipica per il comune cittadino, evidenziamo il verosimile problema o dubbio e cerchiamo di indicare la soluzione legittima.

La situazione di oggi è la seguente: abbiamo una persona ultraottantenne, con un reddito ISEE basso (diciamo intorno ai 7 mila euro annui). Chiaramente, rientra nei canoni di esenzione dal pagamento della tassa. Ci chiediamo: se ha già pagato, può richiedere il rimborso o no?

Andiamo per ordine. La persona può certamente fare richiesta di esenzione dal pagamento del canone, nel seguente modo:

- può spedire una lettera a mezzo plico postale, con allegata copia del documento di riconoscimento, al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate, ufficio di Torino 1, sportello abbonamenti TV - casella postale 22, 10121 Torino

- può consegnare gli stessi documenti - a cura del diretto interessato - presso un qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate

- può inviare una PEC, ossia una email firmata digitalmente, all'indirizzo cp22.sat(at)postacertificata.rai.it

I modelli sono tutti reperibili al sito dell'Agenzia delle Entrate, o comunque facilmente reperibili su internet.

E così abbiamo 'sistemato' le modalità di esenzione. Veniamo invece alla possibilità di ottenere rimborso, nel caso si sia già proceduto al pagamento per il 2018.

Come noto, per l'anno in corso l'importo del canone di abbonamento alla televisione per uso privato resta invariato, pari a 90 euro. Riferimento all'art.1, comma 40, della legge 11 dicembre 2016, n.232, come modificato dall’art.1, comma 1147, della legge 27 dicembre 2017, n.205.

I cittadini esenti, quindi coloro che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo non superiore a 6.713,98 euro (per le richieste di esenzione fino al 2017) o ad euro 8.000,00 (per le richieste per il 2018), possono presentare una dichiarazione sostitutiva, nella quale attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV.

Conseguentemente, possono chiederne il rimborso del pagamento erroneamente effettuato (separatamente o tramite bolletta elettrica) mediante il modello previsto per la richiesta di rimborso - il quale già contiene la dichiarazione sostitutiva attestante la sussistenza delle condizioni e dei requisiti che danno diritto all’esenzione). Come prima, modello reperibile al sito dell'Agenzia delle Entrate o comunque cercando su internet.

Ancora una volta, la suddetta istanza può essere:

- spedita a mezzo plico postale raccomandato, con copia del documento di riconoscimento, ad Agenzia delle entrate, ufficio di Torino 1, sportello abbonamenti TV - casella postale 22, 10121 Torino
- consegnata direttamente dall'interessato presso un qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate
- trasmessa via PEC all'indirizzo cp22.sat(at)postacertificata.rai.it 

 

FONTE: https://www.investireoggi.it

Letto 84 volte