Canada: VersaBank prepara uno stablecoin su dollaro canadese

VersaBank

VersaBank, una importante banca canadese, ha annunciato il lancio di uno stablecoin. Una valuta digitale ancorata a valuta fiat. Il dollaro canadese, nella fattispecie. Si chiamerà VCAD.

Abbiamo parlato di criptovalute in Canada in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Ne parla PR Newswire, un portale di news. A questo link. In cui spiega che l’iniziativa mira a risolvere i problemi di volatilità e sicurezza nei mercati di criptomonete. E che ogni VCAD emesso verrà garantito da dollari canadesi depositati presso l’istituto.

Secondo VersaBank, lo stablecoin in questione sarà a tutti gli effetti “la prima valuta digitale a rappresentare una valuta fiat” emessa e garantita da una banca nordamericana.

Un risultato che verrà raggiunto grazie ad una collaborazione con Canada Stablecorp. Una joint venture tra il gestore di fondi di investimento 3iQ. E Mavennet, una società blockchain.

Quando vedremo girare lo stablecoin di VersaBank?

Trezor - hardware wallet

Secondo la banca canadese, sarà fruibile al pubblico nei prossimi mesi. Tramite i propri intermediari finanziari partner. In cambio dollari canadesi depositati presso la banca stessa: così, tali partner offriranno VCAD direttamente a individui e imprese.

Jean Desgagne è CEO di Stablecorp. Costui ha spiegato che la moneta digitale in questione vuole risolvere “due gravi carenze del mercato crypto tradizionale”. Che sono, ovviamente, volatilità e sicurezza. Va detto, ad ogni buon conto, che già esistono stablecoin ancorati al dollaro canadese. Come il token eCAD, di Coinsquare. Ed il token TrueCAD, di TrustToken.

Non solo. secondo lui, VersaBank si pone l’obiettivo di sviluppare altre valute digitali bancarie. Ancorate a dollari statunitensi. Addirittura, ad euro. Si chiameranno, con tanta fantasia, VUS e VEuro.

L’iniziativa di VersaBank per stablecoin bancari non ci stupisce. Ricordiamo che si tratta di una istituzione finanziarie completamente digitale. Non dispone, infatti, di filiali bancarie fisiche per il pubblico. Un istituto già proiettato alle criptovalute: una sua consociata ha addirittura realizzato cassette di sicurezza digitali. Per conservare criptovalute.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://www.prnewswire.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *