browser Brave: 15 milioni di utenti attivi al mese

BAT e Brave

Il browser open source di Brendan Eich tocca un traguardo importante. 15 milioni di utenti mensili attivi. Evidentemente, piace l’idea di poter bloccare la pubblicità. Oppure scegliere di essere pagati in token BAT per riceverla.

Abbiamo parlato del browser Brave in questo articolo.

Brave è un browser apparentemente simile a Chrome. Infatti, è basato sul medesimo progetto open source, Chromium. Ma Brave aggiunge il supporto nativo ad una criptovaluta. La propria criptovaluta, BAT. Uno smart contract, tecnicamente un ERC-20, su blockchain Ethereum.

Ebbene, come annuncia il sito ufficiale stesso di Brave, nell’ultimo anno il numero mensile di utenti attivi è aumentato del 125%. Ed ha recentemente toccato, a fine maggio, la cifra record di 15,4 milioni di utenti attivi al mese.

Qualche altro numero, sempre su fonte “interna”. Il numero di utenti attivi giornalieri ha toccato cifra 5,3 milioni. Un aumento del 165% rispetto all’anno precedente.

Strano però notare che, a maggio scorso, solo il 12,32% degli utenti utilizza le funzioni crypto di Brave. I più, insomma, apprezzano Brave semplicemente come browser. Al riguardo, queste le parole di Brendan Eich. CEO e cofondatore di Brave.

Quando abbiamo rilasciato Brave per PC, il 40% degli utenti utilizzava regolarmente la criptovaluta BAT. Quando abbiamo poi lanciato il browser per dispositivi mobile, abbiamo scoperto che molta meno gente era disposta ad usare questo sistema. Stiamo lavorando per rendere Brave Rewards ancora più conveniente. Per ricompensare ancor di più gli utenti.

Evidentemente, gli utenti apprezzano nel browser Brave l’innovativo sistema di pubblicità ideato da Brendan Eich. Che, vale la pena ricordarlo, è stato il creatore del linguaggio di programmazione JavaScript.

E, prima ancora, cofondatore del progetto Mozilla.

Il sistema di gestione della pubblicità è innovativo, si diceva. Gli utenti di Brave possono scegliere se bloccare le pubblicità. Oppure, se consentirne la visualizzazione. Ricevendo in cambio, Basic Attention Token. La criptomoneta BAT. Token supportato nativamente dal browser Brave.

Di fatto, i BAT acquisiti dagli utenti possono poi essere impiegati per supportare in maniera diretta i creatori di contenuti da loro preferiti. Oppure i token possono essere scambiati con altre criptovalute o con denaro fiat su vari exchange.

Il sistema funziona. Su browser Brave mediamente gli utenti cliccano sul 9% delle pubblicità mostrate. Ben più del 2%, valore mediamente raggiunto dagli altri browser concorrenti.

FONTE: https://brave.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *