boom di volumi del Bitcoin, gli exchange faticano a seguire

Tesla e Bitcoin

Tesla investe gigantesche quantità di denaro in Bitcoin. Sull’onda della notizia, gli acquisti impazziscono. Ed le grandi piattaforme di compravendita si fanno trovare impreparate. Il prezzo del Bitcoin tocca nuovi ATH.

Abbiamo parlato di andamento del Bitcoin in questo articolo.

Ledger Nano X - The secure hardware wallet

Gli exchange non lo avevano previsto: elevatissimi volumi di Bitcoin hanno messo in difficoltà anche le maggiori piattaforme di trading. Compreso il colosso Binance.

Cosa è successo? Semplice, il prezzo del Bitcoin è aumentato. E, mentre gli operatori di mercato cercavano exchange stabili, tante piattaforme sono andate in crash o comunque hanno accusato ritardi e problemi tecnici.

Tutto è nato con la notizia che Tesla ha investito 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin.

Una notizia subito divenuta di pubblico dominio.

Trezor - hardware wallet

Dopo la scoperta di un documento depositato presso la Securities and Exchange Commission statunitense. Che ufficializza la notizia dell’immenso investimento in Bitcoin. E informa che Tesla potrebbe iniziare ad accettare la criptovaluta come forma di pagamento per i propri prodotti.

Ecco il link della pagina sul sito della SEC.

Dove leggiamo il seguente testo.

Nel gennaio 2021, abbiamo aggiornato la nostra politica d’investimento per fornirci una maggiore flessibilità. Così da poter diversificare ulteriormente e massimizzare i rendimenti sulla nostra liquidità non necessaria per condurre le operazioni.

Nel quadro di questa policy, debitamente approvata dall’Audit Committee della nostra Board of Directors, possiamo investire una porzione di tale liquidità in certi asset di riserva alternativi. Come risorse digitali, lingotti d’oro, fondi scambiati in oro e altro.

Abbiamo investito un totale di 1,50 miliardi di dollari in Bitcoin nell’ambito di tale politica. Potremmo acquisire e detenere asset digitali, con obiettivi sia a breve che a lungo termine. Inoltre, nel prossimo futuro prevediamo di iniziare ad accettare Bitcoin come forma di pagamento per i nostri prodotti.

In dettaglio, con gli enormi volumi registrati sugli exchange, il prezzo del Bitcoin è cresciuto di 3.000 dollari in pochi minuti. Giungendo al nuovo massimo storico. Quasi 45 mila dollari.

Come dicevamo, anche Binance ha accusato problemi.

Il CEO Changpeng Zhao ha così commentato sul proprio profilo Twitter.

Enorme traffico in entrata. Ritardi in alcune regioni. L’auto scaling si sta rimettendo al passo. Tutto questo è colpa di Elon.

Anche un altro importante exchange ha sofferto per gli enormi volumi di scambio del Bitcoin. Gli utenti di Kraken si sono lamentati su Twitter del crash della piattaforma. Problema però non confermato dall’exchange.

Casi specifici a parte, registriamo anche stavolta che avvengono interruzioni ai servizi degli exchange ogniqualvolta il volume del traffico aumenta. Fatto che insospettisce la comunità di utenti crypto.

Molti, infatti, parlano apertamente sui social di “gioco sporco” delle aziende dietro le piattaforme di trading. Le quali puntualmente assicurano che i problemi sono stati risolti. Ma continuano puntualmente a bloccarsi. Proprio quando gli utenti ne hanno più bisogno.

Billfodl - seed custodian

FONTE: https://twitter.com/cz_binance

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *