Mercoledì, 13 Gennaio 2016 12:00

bonus casa per il 2016: tutte le novità

Il 2016 porta delle novità in campo di bonus alle abitazioni - tasse, agevolazioni e detrazioni per ristrutturazioni. Analizziamo il tutto in dettaglio.

Innanzutto, la TASI sull’abitazione principale: la novità dell'anno è che la tassa è cancellata. TUtto ciò interessa 19 milioni di italiani, ed ha il peso di circa 3,7 miliardi. Attenzione però: la cancellazione della tassa riguarda solo le prime case. Sulle seconde case in comodato d’uso registrato a favore di figli o genitori, invece, si pagherà solo 50 percento dell'IMU e della TASI. Per le case in affitto a canone concordato, poi, è previsto uno sconto del 25 percento per IMU e TASI.

Passiamo poi ai bonus per le ristrutturazioni: l'agevolazione fiscale è rinnovata per tutto il 2016, rendendo quindi possibile recuperare dall'IRPEF il 50 percento delle spese sostenute in 10 rate annuali di stesso importo (quindi, ciascuna di un decimo dell'importo recuperabile). Il limite massimo di spesa è fissato a 96 mila euro, conseguentemente il limite massimo per la detrazione è di 48 mila euro.

Accanto al bonus per la ristrutturazione della casa c'è quello per il rinnovo dei mobili ed elettrodomestici: le due agevolazioni sono legate. Il bonus in questione riguarda quindi mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (unica eccezione, classe A per i forni) da destinare all’immobile che viene nello stesso anno ristrutturato. Con tali premesse, viene riconosciuta una detrazione massima di 5 mila euro, corrispondente al 50 percento della spesa al tetto massimo di 10 mila euro. Per i giovani, in dettaglio le coppie entro i 35 anni di età che formano un nucleo familaire da almeno 3 anni, la detrazione non è subordinata alla ristrutturazione e l’importo massimo detraibile sale a 8 mila euro, quindi corrispondente ad una spesa massima di 16 mila euro.

Ed arriviamo agli ecobonus: anche questa misura per lavori di efficientamento energetico dell’immobile è stata prorogata per tutto il 2016. Quindi si parla di lavori di riqualificazione energetica generale degli edifici, acquisto di pannelli solari, coperture, infissi o pareti isolanti e installazione di impianti con generatori di calore alimentati da biomasse combustibili ma anche la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione, pompe di calore o impianti geotermici. La detrazione che spetta, come per l'anno scorso, è del 65% dell'importo speso.

Ed ecco la novità: il leasing sulla prima casa. la formula del leasing è infatti estesa anche al settore immobiliare, sui canoni pagati dal 2016 al 2020 per acquistare o costruire un immobile da adibire ad abitazione principale entro un anno dalla consegna. La detrazione sull’IRPEF prevista è pari al 19 percento.

E non è finita: per acquisti di immobili a uso residenziale di classe energetica A o B da un’impresa costruttrice, è consentita la detrazione dall’IRPEF, diluita in in 10 rate annuali, per una somma pari al 50 percento dell'IVA pagata. Anche qui, una bella sommetta risparmiata.

Per finire, il bonus sicurezza e videosorveglianza: il governo ha stanziato 15 milioni di euro per finanziare un credito d'imposta a chi compra allarmi o sistemi di videosorveglianza, oppure stipula contratti con istituti di sorveglianza. Non si sa mai nella vita.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 794 volte