Blockchain Service Network: l’innovazione cinese avanza

Blockchain Service Network

Sappiamo dell’iniziativa cinese per una criptovaluta governativa. E del progetto per un’infrastruttura nazionale blockchain. Udite udite, il portale di Blockchain Service Network ha debuttato ieri.

Abbiamo parlato di blockchain e Cina in questo articolo.

La Blockchain Service Network, BSN. La catena di blocchi cinese. In verità, più blockchain per supportare distinti servizi e scopi. Il portale BSN è andato online ieri, 10 agosto. Ecco il link del portale.

Tutto scritto in cinese? Assolutamente no, il testo è in inglese. Così da attrarre sviluppatori interessati a lavorare su questa piattaforma.

He Yifan è CEO di Red Date Technology. Una società privata cinese tra quelle che ha fondato e sostiene il progetto Blockchain Service Network. In poche parole, spiega Yifan, il sito web appena andato online vuole offrire agli sviluppatori l’utilizzo dei servizi BSN e quelli delle catene pubbliche.

Quali catene pubbliche? BSN è ora integrata in tempo reale con le blockchain pubbliche di Ethereum. EOS. Nervos. Tezos. NEO. Infine, con la blockchain di IRISnet. Che vuol dire? Che gli sviluppatori potranno costruire applicazioni decentralizzate, DApp. Ed eseguire nodi. Utilizzando l’archiviazione dei dati e la larghezza di banda forniti dai data center di BSN.

Non pensiate che BSN sia solo dominio di aziende cinesi.

Nossignori. Pensate, Google e Amazon Web Services (AWS) sono tra suoi i principali partner.

Per chi capirci di più, ecco il White Paper introduttivo di BSN. In cui, innanzitutto, si descrive lo scopo del progetto:

The Blockchain Service Network is a cross-cloud, cross-portal, cross-framework global infrastructure network used to deploy and operate all types of blockchain applications.

BSN aims to change the existing problem of the high cost of developing and deploying blockchain applications by providing public blockchain resource environments to developers. Just like the internet. Thus greatly reducing costs associated with the development, deployment, operations, maintenance and regulation of blockchain applications. And, thereby, accelerating the development and universal adaptation of blockchain technology.

Insomma, il progetto è la traduzione in fatti delle parole del presidente cinese, Xi Jin-Ping. Che, ricorderete, a ottobre scorso annunciò l’interesse del Paese per le tecnologie offerte dalla catena di blocchi.

E allora il prossimo passo, stando al sito web, è per ottobre 2020. Il lancio dell’Interchain Communication Hub. Un hub di servizi supportato da IRITA e da Chainlink. I servizi cloud sono supportati da Google e da AWS. Hyperledger è invece la soluzione scelta per la blockchain permissioned. Globalmente, tanti importanti partner del progetto, come conferma Yifan:

Possiamo contare sul valido supporto di alcuni tra i più importanti fornitori di servizi cloud. Poiché apprezzano molto l’idea e la visione di BSN.

Il progetto, ricordiamolo, è stato avviato in versione di prova a ottobre scorso. Appunto, due secondi dopo le parole del presidente cinese. Con l’obiettivo del governo di supportare le piccole e medie imprese nello sviluppo ed implementazione di applicazioni blockchain su network permissioned.

FONTE: https://global.bsnbase.com/

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *