Domenica, 25 Novembre 2018 12:00

Bitcoin Cash: cosa rimane dopo il fork

Il fork del Bitcoin Cash è avvenuto circa due settimane fa, ed abbiamo visto tutti la situazione disastrosa che si è creata in questi giorni. Oggi che la battaglia ha finalmente fine, vediamo un sostenitore di BCH SV che invita a separare le due blockchain.

Ritorniamo a parlare di Bitcoin Cash, dopo questo articolo.

L'imprenditore miliardario Calvin Ayre, come noto, è tra i sostenitori di Bitcoin Cash SV (la cosiddetta 'Satoshi Vision'), il fork già inizialmente presupposto minoritario rispetto all'alternativa Bitcoin ABC.

Ebbene, in un articolo dell'agenzia di notizie sulle criptovalute di Ayre, pubblicato anche su CoinGeek, il miliardario ha dichiarato il 23 novembre scorso che "BCH SV non vuole più avere Bitcoin Cash nel suo nome". Altro modo per dire che Bitcoin Cash SV continuerà la sua strada indipendentemente da Bitcoin Cash. Addirittura, ha affermato che Bitcoin SV è il Bitcoin originale, viceversa non lo è il Bitcoin Cash originale.

Insomma, l'invito è per i sostenitori di Bitcoin Cash ABC - la moneta sponsorizzata da Roger Ver - a separare definitivamente le due blockchain ed andare ognuno per la sua strada. Cosa che potrebbe essere una soluzione vantaggiosa per entrambe le parti, un po' come lo è stato a suo tempo il fork che ha prodotto la prosecuzione del 'vecchio' BTC e l'inizio del 'nuovo' BCH.

Il miliardario rivolge anche accuse ai sostenitori del Bitcoin e del Bitcoin Cash di aver "smanettato col Bitcoin fino ad ucciderlo". Secondo Ayre, infatti, sia Bitcoin che BCH ABC (di fatto la linea che continua dalle ceneri del BCH) "hanno abbandonato i principi fondamentali del Bitcoin, come il consensus di Nakamoto e la fiducia nella Proof of Work dei miner".

Per Ayre, insomma, proseguire come moneta indipendente e separata può marcare la fine di questo episodio che tanto è costato agli investitori di BCH e non solo. Da oggi, dice lui, il suo team iniziare a lavorare con tutti per consentire in tutto e per tutto il rilascio della versione indipendente di Bitcoin SV.

Facciamo un riassunto della situazione avvenuta. L'hard fork della blockchain di Bitcoin Cash ha di fatto diviso la comunità di supporto (investitori e soprattutto miners) in due fazioni principali, quelli che sostenevano Bitcoin Cash SV e quelli invece per Bitcoin Cash ABC. A dirla tutta, si è formata anche una terza fazione, tutto sommato neutrale e soprattutto minoritaria, che sosteneva Bitcoin Unlimited.

Poi, dalla settimana (mal) passata, Bitcoin Cash ABC ha nettamente staccato Bitcoin SV in termini di hashrate, ossia in termini di supporto dei miners. Si è quindi conquistato il diritto di tenere il marchio e nome Bitcoin Cash come sua naturale prosecuzione. Più recentemente, la situazione è andata via via stabilizzandosi: gli exchange ed i servizi di wallet stanno pian piano annunciando il loro supporto per entrambe le monete, e stanno revocando la sospensione a scambiare, depositare e ritirare BCH tenuta per ovvi motivi durante tutta la durata del fork.

In particolare, il famoso produttore di wallet hardware Ledger ha oggi annunciato di aver ripreso il trading BCH in forma di BCH ABC. Nel frattempo, va detto anche questo, si assiste in queste ore ad una lenta ripresa dagli inferi del Bitcoin e delle altre principali monete, compreso BCH.

 

FONTE: https://it.cointelegraph.com

Letto 37 volte