Binance: il progetto Venus eviterà gli errori di Libra

Binance - Changpeng Zhao ed He Yi

Binance, il potentissimo exchange di criptovalute, valora al progetto Venus. Che promette il lancio di diversi stablecoin associate alle principali monete fiat. Ed assicura di riuscire ad evitare le paludi normative incontrate dal progetto Libra di Facebook.

Abbiamo parlato del progetto Libra di Facebook in questo articolo.

He Yi è il cofondatore dell’exchange Binance, insieme al collega Changpeng Zhao. Costui ha parlato del progetto Venus in un’intervista portale news di Bloomberg. Ed ha affermato che Binance articolerà il processo di regolamentazione di Venus imparando dagli errori di Facebook. Ossia, secondo lui piacerà più e prima alle autorità di regolamentazione.

Nell’intervista il cofondatore di Binance spiega che l’exchange lavorerà da subito insieme alle autorità di regolazione del mercato per il progetto Venus. Dal primo giorno travaserà informazioni ed evidenze sul funzionamento degli stablecoin. Monete virtuali destinate principalmente ai Paesi non occidentali.

Insomma, chi lavora al progetto Venus di Binance vede l’analogo progetto Libra di Facebook come una sorta di “cavia”. Una sonda esploratrice, che ha sondato il mercato ed evidenziato dove sono le paludi normative. Cadendoci dentro. Binance, appunto, è rimasto a guardare per evitare di ripetere gli stessi errori.

In effetti, il progetto Libra è stato annunciato a giugno scorso. Da allora, Facebook ha subito un severo controllo da parte degli organi di regolamentazione.

Degli USA e non solo. Di contro, Binance sostiene che gestirà in modo più efficace la questione regolamentazioni, concentrandosi fin dall’inizio sulla conformità normativa. Queste le parole di sintesi di Yi:

Quando vorremo lanciare Venus in un Paese, ci assicureremo che sia conforme alle normative.

Come detto, il progetto Venus di Binance si focalizzerà sulla creazione di vari stablecoin associato alle valute nazionale dei principali Paesi di tutto il mondo. Qualcosa di simile al progetto Libra. Ma caratterizzato da un approccio molto più conservativo. Con l’assoluta priorità alla conformità normativa dei vari Paesi.

In realtà, la filosofia per la commercializzazione della moneta virtuale è già abbondantemente affermata nella mente di ogni cinese. E’ la filosofia del “belt and road“. Che in italiano diventa “la nuova via della seta“. Ossia, il progetto avanza di pari passo con la collaborazione tra la multinazionale ed i governi ed aziende necessari alla realizzazione del progetto stesso.

Ad ogni buon conto, il progetto Venus di Binance resta ambizioso e tutto in salita. La società dovrà lavorare alacremente per raggiungere la conformità normativa e l’adozione innanzitutto nel proprio Paese, la Cina. Perché non dovrà solo competere con Libra. Ma anche, e soprattutto, dovrà fare i conti con il progetto di criptovaluta lanciato dal governo cinese. La moneta virtuale nazionale proposta e sostenuta dalla People’s Bank of China, la loro banca centrale. Un rivale commerciale non banale. Neanche per un colosso come Binance.

FONTE: https://www.bloomberg.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *