avanti con la regolamentazione di criptomonete in Svizzera

Ueli Maurer e Bitcoin

Parla il presidente della Confederazione. La regolamentazione di monete virtuali e blockchain in Svizzera deve essere chiara e veloce.

Abbiamo parlato di regolamentazione delle criptovalute all’estero in questo articolo.

Ueli Maurer è il presidente della Confederazione elvetica. Si è espresso sulle criptomonete durante la conferenza “CV Crypto Valley Summit“. Svoltosi questa settimana a Zugo in Svizzera. In dettaglio, ha affermato che l’implementazione di normative per il settore delle criptovalute deve essere chiara e veloce.

Ricordiamo che Maurer è anche capo del Dipartimento Federale delle Finanze. A maggior ragione, è una voce in capitolo nella normazione delle criptomonete. Ebbene, ha auspicato che la Svizzera agisca con una regolamentazione più trasparente e risoluta. Che modifichi le leggi in vigore. E che le aggiorni per renderle compatibili con le nuove tecnologie.

Secondo lui, il governo attualmente in carica è assolutamente in grado di gestire tale innovazione. Anche perché, ammette il presidente, la regolamentazione di blockchain e registri distribuiti è una priorità in Svizzera. E, al riguardo, le locali autorità tentano sempre di “stare due passi avanti a tutti gli altri”.

Il presidente ha quindi invitato i principali attori nel settore delle criptovalute a farsi avanti. E mettere alla prova il governo federale con nuove idee. “Le nostre porte sono aperte”, afferma.

Lasciamo le parole. Veniamo ai fatti. Proprio questo mese, il Consiglio Federale Svizzero ha dato inizio ufficiale al periodo di consultazione. Necessario per adattare le normative correnti agli utilizzi della tecnologia della blockchain. Evidentemente, la legislazione in studio vuole ridurre i rischi per gli utenti di monete digitali. E vuole valutare le parti in causa nella gestione delle piattaforme di trading. Ossia, vuole capire se gli exchange sono equiparabili ad intermediari finanziari. E quindi se sono soggette alle stesse regole e la medesima supervisione governativa. Ad ogni buon conto, il periodo di consultazione si deve concludere a giugno prossimo.

FONTE: https://it.cointelegraph.com/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *