Arthur Hayes: Bitcoin a 10 mila dollari entro fine anno

Arthur Hayes e Bitcoin
Tempo di lettura: 2 minuti

Chi dice la sua è il CEO e cofondatore di BitMEX, un exchange di criptovalute. Secondo Arthur Hayes, entro la fine del 2019 il Bitcoin salirà a 10 mila dollari USA. Staremo a vedere.

Abbiamo parlato di pareri autorevoli sulle criptomonete in questo articolo.

Quanto affermato da Arthur Hayes sulle previsioni per il prezzo del Bitcoin si aggiunge ad una miriade di pareri, analisi dalla dubbia fondatezza e mere speranze espresse da chi investe in Bitcoin e criptomonete in genere.

Lo ha rivelato all’interno di una newsletter recentemente diffusa tra i clienti dell’exchange. Arthur Hayes ne è sicuro: la ripresa dei mercati ed in particolare del Bitcoin inizierà durante l’ultimo trimestre del 2019.

I ribassi del 2019 saranno intensi. Ma i mercati torneranno a 10.000 dollari. Si tratta di una barriera psicologica estremamente importante. Si tratta di un bel numero tondo. Ma sarà soltanto il superamento di quota 20.000 dollari a confermare la ripresa. Ciononostante, ci sono voluti 11 mesi per passare da 1.000 a 10.000 dollari. Ma meno di un mese per andare da 10.000 a 20.000 dollari… e nuovamente a 10.000 dollari.

Lasciamo da parte l’opinione di Arthur Hayes sul prezzo del Bitcoin. Dopo averne sentite tante, è difficile dare a questa una confidenza diversa da quella di chi, meno di un anno fa, diceva che il Bitcoin sarebbe salito addirittura a 25 mila dollari. O 100 mila, o 150 mila. Guardiamo invece, per un momento, la sua azienda. Proprio in questo mese, BitMEX ha rivelato che il proprio full node Ethereum Parity conteneva quello che hanno definito “un potenziale bug”. Il nodo, infatti, segnalava di essere sincronizzato. Mentre invece era centinaia di migliaia di nodi indietro. Ciò costituisce una falla alla sicurezza, come ammettono gli stessi ricercatori dell’azienda. Una falla sfruttabile da hacker. Ma, dicono in azienda, ciò è altamente improbabile che accada.

FONTE: https://it.cointelegraph.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *