Giovedì, 25 Ottobre 2012 19:55

slitta al 2014 l'obbligo di accettare i pagamenti con bancomat

Dal 1 gennaio 2014 sarà obbligatorio per commercianti e professionisti accettare il bancomat (e carte di credito con tale funzione) come forma di pagamento per le proprie merci e prestazioni. E senza limiti di montante: teoricamente anche per cifre irrisorie. Staremo a vedere se tutti si adegueranno.

Il decreto sviluppo 2012, parte seconda, riscrive le norme sui pagamenti con moneta elettronica. Il decreto - ricordiamolo - era nato per sanzionare obbligo di accettare i pagamenti con bancomat a partire da 50 euro di montante. Oggi, invece, tale limite è scomparso. Facendo ovviamente adirare i commercianti e le associazioni di rappresentanza, che hanno lamentato costi onerosi per il mantenimento di dispositivi elettronici idonei ai pagamenti con moneta elettronica. Beninteso, indovinate un po' sulle tasche di chi finiranno tali costi...

Inoltre, inizialmente il decreto sarebbe dovuto entrare il forza dal 1 gennaio 2013. Insomma, una vittoria ed una sconfitta: si è deciso infatti di dare maggior tempo alla parte venditrice per adeguarsi.

Quindi l’obbligo del pagamento bancomat scatta anche per importi dalla cifra irrisoria? A tal riguardo si attendono ulteriori e precisi chiarimenti da parte dei tecnici ministeriali, attraverso un decreto ministeriale, che dovrà essere approvato dopo aver sentito il parere della Banca d’Italia. Staremo a vedere.

Una conseguenza radicale è tra l'altro quella che si riflette sui professionisti: anche le parcelle di avvocati, commercialisti e professionisti in genere potranno essere pagare con il bancomat e questi dovranno accettarle. Il tutto in nome della tracciabilità dei pagamenti, un cavallo di battaglia del Governo Monti, strumento indispensabile per la lotta all’evasione fiscale.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 1525 volte