Venerdì, 28 Dicembre 2012 13:34

pompe bianche: distributori indipendenti e convenienti

Le pompe bianche sono un'importante possibilità di risparmio per tutti: carburante mediamente scontato di 10 centesimi, una rete di distribuzione scissa dal "cartello" dei soliti gestori. Purtroppo sono ancora pochi i punti di distribuzione, ma con l'aumento dell'utenza si prevede che la rete si amplierà sempre più.

I risultati dell’indagine dell’Antitrust sulle cosiddette pompe bianche rivela, come comprensibile, che i distributori "alternativi" rappresentano un importantissimo spiraglio di concorrenza all'interno del settore della distribuzione dei carburanti ormai dominato da gruppi multinazionali ormai d'accordo tra loro per non farsi concorrenza.

Il risparmio è presto detto: facendo rifornimento presso tali distributori è possibile risparmiare anche più di 10 centesimi al litro. Su base annuale, un risparmio medio di circa 130 euro sui propri pieni di carburante. Di questi tempi, non è poco.

Purtroppo, i punti di distribuzione di questa rete non sono ancora tantissimi: sul territorio nazionale la copertura è appena del 5% circa dell’intera rete di distribuzione. Troppo poco, ancora, per "spaventare" la concorrenza: per avere effetti tangibili sull'utenza italiana si stima che questo dato dovrebbe crescere almeno al 15%. In modo da scatenare effetti positivi non solo in termini diretti (risparmio nello scegliere questa rete) ma anche in termini di maggiore competitività, trascinando al ribasso i prezzi dei carburanti e, in maniera indiretta, influendo positivamente anche sui prezzi dei beni di largo consumo trasportati in larga parte su gomma. Già, perché anche la frutta che compriamo al mercato viene portata da un mezzo con motore a benzina: comprando la frutta, paghiamo anche quella benzina.

Sul sito pompebianche.net si trova l'elenco delle pompe bianche, sempre aggiornato.

In ALLEGATO l'elenco completo aggiornato ad oggi.

 

FONTE: http://www.federconsumatori.it

Letto 866 volte