Venerdì, 29 Maggio 2015 15:31

pensione anticipata: chi ne gode, quando e a chi chiederla

Facciamo il punto di situazione: chi può godere della pensione anticipata, dopo quanti anni di contributi e soprattutto a chi inoltrare la domanda.

Intanto una precisazione: la pensione anticipata è una prestazione economica erogata dall'INPS a lavoratori dipendenti e autonomi che siano in possesso di determinati requisiti - e vediamo quali.

Un primo distinguo. partiamo dai soggetti che al 31 dicembre 1995 erano già in possesso di anzianità contributiva; in altre parole, a tale data avevano già versato i primi contributi. In tal caso, i requisiti richiesti per accedere alla pensione anticipata sono:

- 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 6 mesi per le donne, per ottenere il pensionamento nel periodo dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

- 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 e 10 mesi per le donne, per ottenere il pensionamento nel periodo dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018.

Beninteso, per raggiungere il requisito contributivo suddetto sono validi i contributi versati a qualsiasi titolo.

Inoltre, per coloro i quali accedono alla pensione anticipata con un età inferiore a 62 anni, è prevista una riduzione dell'assegno di pensione dell'1 percento per ogni anno di anticipo rispetto ai 62; poi, per ogni anno oltre l'anticipo di 2 anni la percentuale passa al 2 percento. Ancora, la riduzione dell'assegno si applica soltanto sulla quota di pensione calcolata con il sistema retributivo. Infine, nei riguardi di coloro che accedono alla pensione anticipata dal 1 gennaio 2015 e che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2017, la riduzione sull'assegno non si applica.

Secondo caso, i soggetti che hanno il primo accredito contributivo dal 1 gennaio 1996 . In tal caso si valutino i seguenti requisiti:

- 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 6 mesi per le donne, pensionamento dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015

- 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 e 10 mesi per le donne, pensionamento dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018.

Per chi ha 63 anni di età ed almeno 20 anni di contribuzione effettiva versata, assunto che l'ammontare dell'assegno pensionistico sia pari o superiore a 2,8 volte l'importo dell'assegno sociali, il requisito anagrafico diventa di 63 anni e 3 mesi (per ottenere il pensionamento nel 2015) e 63 anni e 7 mesi (2016).

Caso a parte è rappresentato dal personale delle Forze di Polizia e delle Forze Armate, per i quali alla pensione anticipata si accede in uno dei seguenti casi:

- al raggiungimento dei 40 anni di contributi, indipendentemente dall'età

- al raggiungimento dei 35 anni di contributi, con almeno 57 anni di età

- al raggiungimento della massima anzianità contributiva, con un'età anagrafica di almeno 53 anni.

A questo punto, se avete soddisfatto i requisiti di cui sopra, a chi inoltrare la domanda? Facile:

- sul web, attraverso il portale dell’INPS usando il proprio PIN

- al telefono, contattando l'INPS al numero 803164 da rete fissa ed il numero 06 164164 da rete mobile

- tramite i patronati o CAF, i quali mettono a disposizione dei cittadini i servizi telematici.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 423 volte