Sabato, 04 Febbraio 2012 20:34

patente, libretto e... assicurazione!

Proprio ieri sera mi hanno fermato i vigili urbani per il solito controllo a casaccio. Normalmente la frase standard era "favorisca patente e libretto", stavolta, essendo in moto, hanno anche aggiunto... l'assicurazione! E' bene ricordare, pena multe in costante crescita, che è obbligatorio avere il certificato di assicurazione esposto (per le vetture) e a bordo (per le moto).

Il contrassegno dell'assicurazione, il "tagliando", attesta che quell'auto è assicurata per la responsabilità civile ed è anche in regola con i pagamenti e le scadenze. Su di esso ci sono i dati per verificare targa ed estremi della copertura, proprio ciò che le autorità stradali devono verificare.

Fa parte dei documenti che bisogna sempre avere con sé a bordo: patente, libretto di circolazione ed un certificato che attesti l'avvenuto controllo dei gas di scarico (bollino blu o bollino verde), quest'ultimo ove previsto. Per le auto, va esposto sul vetro anteriore, come prevede il Codice della Strada (al contrario, dal 1998 non è più obbligatorio esporre l'attestato di pagamento della tassa di circolazione, il cosiddetto bollo auto), e non sul lunotto o su altri vetri della macchina. Deve essere chiaramente leggibile dall'esterno.

Questa prescrizione ha generato in passato parecchie polemiche e contestazioni, sulle quali ha pronunciato una parola definitiva la Corte di Cassazione. Con una sentenza del 2005, la Suprema Corte ha infatti sancito che il contrassegno di assicurazione esposto in modo non leggibile equivale ad una sua mancata esposizione, con tutte le conseguenze del caso. Questo vale anche nel caso in cui il tagliando sia stato scolorito dal sole. Non esistono scusanti! Tutti i dati dell'assicurazione devono essere leggibili. Nel caso di smarrimento del tagliando, bisogna subito fare denuncia presso la polizia o i carabinieri. Si porterà poi il documento che attesta la denuncia alla propria compagnia d'assicurazione, che fornirà un duplicato del tagliando da esporre sul parabrezza. La multa per la mancata esposizione del contrassegno è di 21 euro, viene ritirata nel caso in cui lo si porti successivamente alla polizia o ai carabinieri. Molto più grave invece è la sanzione per la circolazione con un veicolo non assicurato, che ammonta a 716 euro.

Beninteso: gli importi qui citati sono in costante aggiornamento... al rialzo! Al momento del mio controllo da parte dei carabinieri, questi mi minacciava di ben 59 euro di multa!

 

FONTE: http://www.assicurazione.it

Letto 1453 volte