Lunedì, 23 Giugno 2014 14:00

novità sul testamento

Il governo ha deciso: non sussiste più alcun obbligo alla dichiarazione di eredità, nel caso in cui questa sia devoluta al coniuge e/o ai parenti in linea diretta del defunto e nell'ipotesi in cui l'attivo ereditario abbia un corrispondente valore inferiore o pari a 100 mila euro.

Il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato il testo, a dir poco uno slogan da clima elettorale, dal titolo "due decreti legislativi di semplificazione fiscale: una grande opera di semplificazione, per uno stato vicino al cittadino", coordinato e disposto dal ministro Maria Elena Boschi. Vediamo cosa dice.

Parla di chi debba presentare la dichiarazione di eredità. Ebbene, la dichiarazione deve essere obbligatoriamente presentata da:

- i cosiddetti chiamati all'eredità, per legge o per testamento, anche se non hanno ancora accettato l'eredità - è sufficiente che non vi abbiano espressamente rinunciato - ed i cosiddetti legatari, cioè i loro rappresentanti legali

- gli immessi nel possesso dei beni, tipicamente in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta

- gli amministratori dell'eredità

- i curatori delle eredità giacenti

- gli esecutori testamentari

- cosiddetti trust.

In caso ci siano più persone obbligate alla presentazione della suddetta dichiarazione, è sufficiente presentarne una sola. Inoltre, è importante segnalare che non sussiste più obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea diretta del defunto e l’attivo ereditario ha un valore non superiore a 25.823 euro e lo stesso non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

E passiamo alle modalità di presentazione della dichiarazione. La dichiarazione deve essere presentata scadenza 12 mesi dalla data di apertura della successione - la quale, generalmente, coincide con la data del decesso del contribuente. Occorre quindi compilare un apposito modulo disponibile presso gli uffici dell'Agenzia delle Entrate e successivamente presentarlo all'ufficio nella cui circoscrizione era fissata l'ultima residenza del defunto contribuente.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 661 volte