Venerdì, 31 Gennaio 2014 13:00

la disoccupazione aumenta. altro che luce in fondo al tunnel

Secondo l'ISTAT la disoccupazione è leggermente scesa dal mese di novembre a quello di dicembre. Beninteso, di pochissimo. Anche perchè i valori cui era giunta a novembre era un valore agghiacciantein generale, drammatico se riferito ai soli giovani. La luce in fondo al tunnel, semmai ci sia, sembra ancora lontanissima. Ecco tutte le cifre.

Nel 2013, da novembre a dicembre, a detta dell'ISTAT la disoccupazione in Italia è lievemente scesa dal record storico del 12,8% al 12,7%. Le stime sono provvisorie, beninteso, comunque emerge che su base annua la disoccupazione è scesa del1,2%.

La nota dolente è sempre per i giiovani, nella fascia d'età tra i 15 ed i 24 anni: in questo caso la disoccupazione si attesta al 41,6%, lo 0,1% in meno rispetto a novembre ma, alo stesso tempo, il 4,2% in più rispetto a dicembre 2012, cioè dopo un anno.

Guardando i numeri in termini assoluti, i disoccupati in Italia sono 3 milioni e 229 mila unità, 32 mila in meno rispetto a novembre, ma 293 mila in più rispetto all'anno precedente. E, guardando la sola fasciia dei giovani, come detto tra i 15 e i 24 anni, il numero dei disoccupati è di 671 mila unità, cioè l'11,2% dell'intera popolazione di riferimento, lo 0,1% in più rispetto a novembre e lo 0,8% in più rispetto all'anno prima.

Coerentemente con questi numeri, si nota come scendano ancora gli occupati, dello 0,1% mensile cioè 25 mila unità in meno su 22 milioni e 270 mila unità oggi al lavoro, cioè ancora 424 mila unità in meno rispetto a un anno prima (in percentuale, 1,9% in meno).

In termini percentuali, l'occupazione scende al 55,3%, ossia 0,1% in meno su base mensile e 1% in meno dall'anno precedente. Nella suddetta fascia giovanile, gli occupati sono 943 mila, 7 mila in più rispetto a novembre (+0,7%), ma 100 mila in meno rispetto allo stesso mese dell'anno precedente (-9,6%).

Gli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro e sono talmente sfiduciati che hanno rinunciato a cercarlo, salgono al 36,5%, cioè lo 0,1% in più rispetto a novembre e lo 0,2% in più su base annua.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 538 volte