Lunedì, 28 Marzo 2016 10:56

incentivi auto per metano e GPL

Sono stati rinnovati gli incentivi per chi riqualifica l'auto con carburanti a minor impatto ambientale, ossia GPL e metano. Vediamo i dettagli.

A partire dal 22 marzo e fino all'esaurimento dei fondi disponibili (un milione e 800 mila euro), vengono riattivati gli incentivi auto per la trasformazione della propria vettura verso i carburanti più ecologici, ossia GPL e metano.

Ecco che quindi riaprono sul sito web del consorzio ECOGAS le prenotazioni per ottenere gli incentivi ICBI (Iniziativa Carburanti a Basso Impatto), secondo la campagna del Ministero dell'Ambiente per la promozione dei carburanti come GPL e metano per le auto in circolazione.

Come risulta pubblicato dal consorzio, la campagna era stata sospesa dal 2012 per esaurimento dei fondi, mentre oggi viene riaccesa grazie ad un accordo di programma tra lo stesso Ministero e una convenzione tra 674 Comuni.

E veniamo alla domanda: che vogliono dire e a quanto ammontano questi incentivi auto per la trasformazione in GPL e metano? Partiamo da una stima: 4.500 conversioni di auto che quindi si spartiscono la "torta" dei fondi disponibili, suddivisi fra tre interventi di incentivazione destinati alla trasformazione a GPL e metano.

Nel dettaglio, gli incentivi per trasformazione auto dal tipo Euro 2 ad Euro 3, immatricolati dopo il primo gennaio 1997, appartenenti a persone fisiche o giuridiche residenti o con sede nei 674 Comuni che hanno aderito all’iniziativa, ammontano a 500 euro per il GPL e 650 per il metano, di cui 150 a carico delle officine di installazione - tanto prevede l’accordo.

E come facciamo a ottenere l'incentivo? Semplice, gli automobilisti dovranno rivolgersi a un’officina aderente all’iniziativa. La quale, dopo avere verificato la disponibilità dei fondi e ottenuto il codice di prenotazione attribuito a ciascun intervento - tale codice di fatto garantisce che sono accantonati i relativi fondo a coprire l'incentivo - comunica all'automobilista quando potrà installare sul suo veicolo l’impianto a GPL o a metano, quindi godendo dell'incentivo.

E l'incentivo auto - attenzione - non è cumulabile con altre forme di agevolazione statali. Solo se previsto può essere sommato ad altre iniziative locali o private.

In finale, questa interessante iniziativa da l’occasione a tanti possessori di auto vecchie ed inquinanti di effettuare una riconversione e quindi dotarsi di un mezzo dual - fuel (a dioppio combustibile, es. la tradizionale benzina e l'ecologico metano). Ancora, alcuni veicoli, nel beneficiare di questa iniziativa, potranno essere dotati di dispositivi portatili di misurazione delle emissioni. Proprio gli stessi dispositivi utilizzati per i nuovi test RDE (Real Driving Emissions) per verificare i valori reali di emissione dei veicoli nelle prove su strada.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 489 volte