Venerdì, 12 Aprile 2013 14:00

il finanziere parcheggia l'auto blu al posto dei disabili. "E allora?"

Un'auto blu con paletta e lampeggiante occupa un posto per disabili. Il finanziare, ripreso da telecamera, prima si sorbisce la ramanzina del giornalista de "Il Fatto Quotidiano", poi risponde: "E allora? Io sono finanziere e lei chi è?".

Centro commerciale "Da Vinci", Fiumicino (Roma), nei pressi dell'aeroporto. E' il pomeriggio di lunedì scorso, 8 aprile 2013. Arriva rombante una berlina blu, con lampeggiante sul tetto e paletta del Ministero dell’Economia e delle Finanze sul parabrezza, e parcheggia su un posto riservato a disabili, segnalato da strisce gialle, simboli e cartelli segnaletici. Mentre intorno ci sono altri posti liberi e non riservati. Ma si sa, quelli per disabili sono comodi e vicini all'ingresso degli store.

Un'inchiesta in corso? Un furbetto da arrestare? Macchè, il furbetto semmai è proprio lui: parcheggiata l'auto blu, un signore in borghese si avvia da Decathlon per fare le sue spese. Poi, dopo un'oretta di "servizio", dalle 15 alle 16,15 circa, torna all'auto con gli acquisti in mano. Ma lo aspetta un giornalista di "Il Fatto Quotidiano" che riprende tutto con le telecamere.

A domanda, si qualifica come "finanziere" e nell'evidente imbarazzo - nulla è equivocabile - farfuglia giustificazioni senza senso, e la parola chiave "vigilante" che - nella sua personalissima logica - dovrebbe significare che lui può parcheggiare dove gli pare. Poi sbotta: "E allora? Io sono un finanziere, lei chi è? Si qualifichi." e poi ovviamente se ne va via.

Chi parcheggia sul posto riservato ai portatori di handicap è sanzionabile dall'.art.158 comma 2 lettera G e comma 5 con 74 euro, la decurtazione di 2 punti e la rimozione del veicolo. Ma non è il caso del "vigilante", in quanto - riferisce il giornalista - da una visura fatta sulla targa al Pubblico Registro Automobilistico, magari per ragioni di sicurezza, l’automobile non risulta intestata ad alcun ente.

Mentre l’associazione dei finanzieri Ficiesse sollecita il Comandante Generale della Guardia di Finanza a prendere provvedimenti, per accertare se e quali reati si siano configurati con l'utilizzo di una macchina di servizio e durante quali orari. Succederà qualcosa?

 

FONTE: http://www.ilfattoquotidiano.it

Letto 1405 volte