Sabato, 22 Dicembre 2012 13:00

gli esodati? li pagano (anche) gli onorevoli

Per offrire una copertura ad un numero maggiore di esodati, categoria di ex lavoratori "creata" dalla riforma del lavoro della Fornero,   la neo approvata legge di stabilità prevede il blocco delle rivalutazioni per gli stipendi di parecchi onorevoli, come pure le loro pensioni dorate. Un buon gesto, tutto sommato.

L'intento di coprire il prepensionamento degli esodati c'è sempre stato. La copertura finanziaria, però, è stata solo parziale. Non per tutti insomma, al massimo  - nella più rosea delle ipotesi - per circa la metà egli aventi "titolo". Ecco che quindi, per coprire altri 10.300 nuovi esodati, la legge di stabilità appena approvata prevede il blocco della rivalutazione, per il 2014, di tutti i vitalizi degli onorevoli eletti ai parlamenti regionali e nazionali, sia ex che ancora in carica. E non solo: anche sulle pensioni d'oro (superiori cioè a 2.883 euro mensili).

In dettagli, le risorse necessarie all'estensione dei benefici agli esodati vengono reperite dallo stop di un anno, il 2014, della rivalutazione automatica, se prevista, dei vitalizi percepiti dagli onorevoli di cui sopra, e qualora ciò dovesse risultare insufficiente è previsto il recupero di ulteriori risorse dalle pensioni d'oro.

Pertanto, entro il 30 settembre 2013 il governo dovrà rocedere a monitorare gli effetti delle nuove disposizioni e, qualora il monitoraggio dovesse rivelare la disponibilità di risorse, con DCPC verrà disposto il pieno riconoscimento della rivalutazione automatica, o il suo riconoscimento in misura ridotta se la pecunia scarseggia. Insomma, si vedrà al momento.

E' sicuramente una buona misura, o meglio la sua non applicazione sarebbe l'ennesima dimostrazione di scarsa sensibilità della politica verso i dolori del popolo. Ma una domanda sorge: il governo che seguirà manterrà fede a questa norma o varerà qualche contromisura che ne annulli l'efficacia? Staremo a vedere.

 

FONTE: http://www.italiaoggi.it

Letto 667 volte