Martedì, 19 Agosto 2014 14:00

EQUITALIA: le imposte si pagano a rate

Complice la crisi economica, ormai tutto si paga a rate: il frigorifero, il cellulare, la vacanza e... le tasse. E' un buon segno? Scopriamolo insieme.

Alla crisi economica ormai ci siamo abituati. Alla pressione fiscale pure, ormai giunta al 44%. Fatto sta che ciò ha portato ad una tendenza che mette insieme sempre più le logiche di pagamento delle tasse con quelle di mutui o prestiti: le imposte oggi si pagano a rate.

E' infatti stato registrato a luglio un vero e proprio boom di richieste ad EQUITALIA per ottenere il pagamento dilazionato, invece della clasica formula "tutto e subito". Stando alle associazioni di consumatori, Rosario Trefiletti di FEDERCONSUMATORI ed Elio Lannutti di ADUSBEF, questo trend rappresenta un campanello d'allarme che ben descrive la situazione di crisi economica in cui stagnano i contribuenti.

Dall'altra parte della barricata, invece, EQUITALIA stigmatizza interpretando la rateizzazione come un "nuovo passo avanti per migliorare il rapporto con i contribuenti che non dovranno più recarsi allo sportello o simulare il piano di ammortamento dal sito Internet, ma potranno avere a disposizione tutti gli elementi per decidere come pagare contestualmente alla notifica della cartella". Già, come se rateizzare una imposta fosse un nuovo giochino con cui poter far divertire i contribuenti.

La triste verità è circa 156 mila contribuenti hanno richiesto, tramite inoltro di istanza, la formula di pagamento rateizzata: questo numero ce lo dice lo stesso ente di riscossione.

Il quale aggiunge che nel 76,9% dei casi si tratta di persone fisiche, mentre il restante 23,1% è rappresentato da società e lavoratori autonomi con partita IVA. Ed ancora, gli importi per i quali si richiede la rateizzazione sono tipicamente al di sotto dei 5 mila euro (70,8% dei casi), mentre nel 26,2% dei casi il debito supera i 5 mila euro e arriva fino a 50 mila euro. E solo per il 2,9% dei casi il debito supera i 50 mila euro.

Continuando con i dati EQUITALIA, da un punto di vista geografico il maggior numero di richieste di rateizzazione arriva dalla Lombardia - 384 mila richieste per un totale di 5,5 miliardi di euro. Poi tocca al Lazio, alla Campania ed alla Toscana.

Qualcuno di voi, magari interessato alla questione - purtroppo - si chiederà come funziona e come si richiede la rateizzazione, quali sono le condizioni della rateizzazione e via dicendo.

Bene, si fa per dire: il piano di ammortamento prevede un massimo di 120 rate mensili, quindi 10 anni di mutuo. L'importo minimo di ogni rata, salvo eccezioni, è pari a 100 euro. Inoltre, il rispetto delle scadenze di pagamento delle rate tutela il contribuente dal rischio di eventuali azioni cautelari o esecutive - quelle per cui EQUITALIA è divenuta "celebre" - e dà diritto al rilascio del certificato di regolarità fiscale utile per chi lavora con o nella pubblica amministrazione.

Ancora, la procedura è più snella per debiti fino a 50 mila euro: tutti i moduli sono disponibili sul sito internet o direttamente agli sportelli di EQUITALIA; una volta compilato il modulo, può essere consegnato sia a mano che spedito tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Attenzione: per debiti oltre i 50 mila euro va anche allegata una documentazione comprovante lo stato di difficoltà economica. Infine, la proroga dei piani di rateizzazione, sia di quelli ordinari che quelli straordinari, è ammessa una volta sola.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 776 volte