Venerdì, 08 Giugno 2012 14:00

debito pubblico: la storia italiana

Ormai diversi termini ci girano intorno (a cominciare dal famigerato spread). L'Italia è stata sempre un paese indebitato: non è una novità. Ed il debito pubblico è andato sempre crescendo: anche questa non è una novità. Vediamo governo per governo come sono andate le cose.

Qualcuno ha compilato lo specchietto qui sotto. Mostra un'Italia sempre indebitata, con un debito sempre in galoppo nonostante le svariate misure anticrisi. Un esempio per tutti: il governo Amato. Lui, il "risanatore", che con lo scippo sui conti correnti (lo chiamò "contributo di solidarietà") disse di voler rimettere a posto le finanze pubbliche. Ma è riuscito a far salire il debito di 10 punti in un anno appena. Era l'anno 1992/93, forse il periodo finanziariamente (e non solo) più torbido della storia della Repubblica, ma Amato detiene un record di scasso finora imbattuto. E ancora oggi, mentre prende oltre 1000 euro di pensione al giorno, lo incaricano persino come supertecnico di elaborazione della spending review.

Oggi con Monti il debito sta salendo ancora: come ha dimostrato a suo tempo il governo Amato, i "sacrifici" servono solo a peggiorare la situazione. Ma si sa, non impariamo mai nulla dagli errori.

 

 

FONTE: http://crisis.blogosfere.it

Letto 782 volte