Giovedì, 02 Febbraio 2012 18:12

che noia il posto fisso... dei Fornero

Il posto fisso è di una noia mortale. Lo ribadiva a più non posso il ministro Fornero. Poi però scopriamo che la figlia Silvia, appena trova un posto fisso - magari, casualmente, nello stesso contesto dei genitori - pensa già al secondo, poi al terzo. Per non annoiarsi, ovviamente.

Silvia Deaglio ha 32 anni, è figlia del ministro del lavoro Elsa Fornero e del professore dell’università di Torino Mario Deaglio.

Così giovane e già ricercatrice in genetica medica, professore associato alla facoltà di medicina dell’università... indovinate un po'... di Torino, il medesimo ateneo in cui insegnano, ad Economia, i suoi genitori.

Ma non basta: dato che il primo posto fisso annoia, la figlia della Fornero è anche responsabile dell'unità di ricerca, ruolo assegnatole dalla HuGeF, la fondazione che ha come missione la ricerca di eccellenza e la formazione avanzata nel campo della genetica, genomica e proteomica umana.

Non conoscete la HuGeF? Indovinate un po': è un’istituzione creata e finanziata dalla Compagnia di San Paolo, un ente del quale la Fornero è stata vicepresidente dal 2008 al 2010 e per conto del quale è stata designata alla vicepresidenza della Banca Intesa, carica lasciata solo dopo aver ricevuto la nomina ministeriale.

Che batteria di coincidenze, vero? E legittimo che, per giunta in un periodo di crisi del mercato del lavoro, qualcuno senta odore di parentopoli.

 

FONTE: http://linedrive.wordpress.com

Letto 877 volte