Venerdì, 28 Dicembre 2012 13:00

cartelle esattoriali nulle fino a 2000 euro

Tra i tanti aspetti contemplati dalla legge di stabilità 2013: ci sono le cartelle esattoriali di importo modesto (fino a 2000 euro) ormai "cadaveri": per queste è previsto l'annullamento d’ufficio. Senza cioè alcuna azione da parte del contribuente. Mentre per quelle fino a 1000 euro è possibile riscuoterle solo trascorsi 120 giorni dall'invio per posta di un avviso.

Ai sensi della legge di stabilità, recentemente approvata, le mini cartelle esattoriali vengono automaticamente annullate: decorsi sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge, tutte le cartelle esattoriali con importi non superiori a 2 mila euro, derivanti da ruoli resi esecutivi fino al 31 dicembre 1999, sono annullate d’ufficio, senza che il contribuente debba inviare alcuna richiesta. Potrà sembrare ovvio - sono cartelle a dir poco scadute - ma fino ad ora il cittadino doveva procedere formalmente alla richiesta dell'annullamento caso per caso, sostenendo i costi di ciò.

Insomma, una mega sanatoria per, ad esempio, multe stradali, tributi locali, contributi, rette scolastiche. Anche se le cartelle sono state oggetto di contenzioso - sono state impugnate.

Nota: il limite di 2 mila euro è calcolato sulla somma di capitale, interessi e sanzioni: non contribuisce al conto l’aggio dell’agente della riscossione. Inoltre, se la scadenza del 31 dicembre 1999 per l'esecuzione a ruolo non è verificabile dalla lettura della cartella esattoriale, occorre accertarsene presso l’agente della riscossione competente territorialmente.

Altro discorso per la riscossione delle cartelle esattoriali di importo inferiore a 1000 euro: essa non può essere attivata prima che siano decorsi 120 giorni dall'invio per posta ordinaria di un avviso contenente il dettaglio del ruolo. Durante il suddetto periodo di 120 giorni, beninteso, non si può neppure procedere all'iscrizione del fermo amministrativo dei veicoli.

 

FONTE: http://www.investireoggi.it

Letto 2463 volte