Venerdì, 10 Marzo 2017 14:41

bonus da 80 euro alle Forze Armate: ritorna in busta paga

Torniamo a parlare del bonus da 80 euro percepito dagli aventi titolo del comparto delle Forze dell'Ordine. Ancora ci chiediamo se torna in busta paga o no: vediamo gli aggiornamenti in materia anche in relazione all'annosa questione dei rimborsi per gli errori applicati ai cedolini NoiPA.

Riprendiamo l'argomento iniziato con questo articolo sul bonus da 80 euro per i militari.

Una buona notizia, e togliamo subito la 'suspance': gli appartenenti alle Forze dell’Ordine rivedranno accreditato sul proprio cedolino stipendi il bonus promesso (e sbandierato) da Renzi per 80 euro.

A dirla tutta, la questione non era tanto sul fatto che il rimborso fosse accreditato o meno, semmai quando tale misura sarebbe stata attivata. Ora, arrivata la conferma della Ragioneria Generale dello Stato, anche tale quesito ha la sua buona risposta: il bonus ai militari da 80 euro ritornerà ad essere accreditato sin dalla prima busta paga utile. Che, tradotto in termini pratici e considerato un minimo ritardo per organizzare le pratiche, non diventa però subito dal mese di marzo.

Infatti, visti i tempi tecnici purtroppo sempre da tenere in conto, è più ragionevole pensare che il bonus militari sarà reso disponibile a partire dalla busta paga di aprile. Poco male, insomma.

Ma non è finita: aldilà del bonus da 80 euro, c’è un’altra questione urgente su cui gli appartenenti alle Forze dell’Ordine premono e chiedono chiarezza: quella relativa ai rimborsi per gli errori commessi nella compilazione del cedolino NoiPa nei mesi di gennaio e febbraio 2017. Come abbiamo già detto in questo articolo, a causa purtroppo del conteggio (ovviamente in negativo) di conguagli non dovuti - ed in alcuni casi relativi proprio alla questione della restituzione del bonus Renzi 80 euro percepito nel 2016 - molti dipendenti pubblici delle Forze Armate e non solo (anche di scuole, ci risulta) si sono visti trattenere in modo assolutamente indebito diverse centinaia di euro.

Ebbene, abbiamo spiegato nell'articolo cosa dovrebbe succedere. Ma la questione non è ancora conclusa, visto che i rimborsi non sono tutti arrivati né per tutti gli interessati. Vi aggiorneremo.

 

FONTE: https://www.investireoggi.it

Letto 158 volte