Mercoledì, 27 Dicembre 2017 10:27

in arrivo gli aumenti del 2018

L'anno ancora non si è chiuso, ma già stanno annunciando gli aumenti per gennaio 2018. Scopriamoli insieme.

Riprendiamo, dopo questo articolo, i discorsi sulle previsioni per l'anno nuovo.

Ebbene, sappiate che da gennaio vedremo una serie di aumenti in parecchi settori. Come i trasporti pubblici, dove il prezzo per biglietti della metropolitana e dei bus di Napoli saliranno vistosamente. O come l'abbonamento per visitare la Reggia di Caserta.

Non solo: avete presente quando fate la spesa al supermercato ed usate i sacchetti per riporre frutta e verdura? Beh, quei sacchetti da gennaio diventeranno a pagamento. Ancora, assisteremo al (solito) aumento delle tariffe dell’energia elettrica.

Scendiamo nei dettagli. Da inizio dell'anno nuovo si prevede l'aumento per le tariffa dei trasporti di energia e gestione del contatore, ma anche oneri di sistema - ossia, i costi per sostenere le attività di gestione del sistema di fornitura elettrica. A conti fatti, non avremo più una tariffa progressiva con il prezzo a kWh, che quindi aumenta al crescere dei consumi totali: invece, si pagherà l’energia in modo più che proporzionale rispetto ai consumi. Il che, beninteso, vuol dire mediamente un aumento della bolletta.

Anche se, sentendo l'Autorità per l’Energia ed il Gas, con la nuova riforma verranno eliminate la differenze di prezzo per scaglioni di consumo, e quindi si avrà una tariffa lineare, più equa e trasparente. Peccato che, a conti fatti, sarà più costosa.

La più incredibile delle novità è che diventeranno a pagamento dal 1 gennaio 2018 i sacchetti self - service per riporre frutta e verdura: finora, era ovvio che fossero gratis. Il punto è che diventano biodegradabili e quindi, con questo pretesto, costosi: si stima che costeranno circa 2 centesimi a pezzo. Finale, chi acquista diversi tipi di frutta  verdura - quindi, diversi sacchetti - pagherà qualche decina di centesimi in più sulla spesa. D'accordo, è poca roba valutata per singola occasione e per singolo cliente. Ma pensate ad un grosso supermercato, a fine mese.

Per chi vuole gustarsi una magnifica visita alla Reggia di Caserta, sappia che dal 1 gennaio aumenteranno gli abbonamenti per girare tra appartamenti, giardino inglese e parco, ad esclusione di mostre ed eventi che raggiungeranno la buona cifra di 50 euro. Il biglietto per il parco della reggia, da solo, avrà un costo di 25 euro. Peggio, sono annullate le condizioni di favore per casertani e residenti nei comuni limitrofi.

Dulcis in fundo, arriverà la stangata sui biglietti ANM della metropolitana e bus di Napoli. L'ultimo ritocco del prezzo risale ad appena un anno fa, ebbene dopo così poco tempo sarà nuovamente ritoccato e, secondo il piano di risanamento previsto per l'azienda, aumenterà da 1,20 euro a 1,30 euro nel 2019. Per chi vuole acquistarlo a bordo il prezzo sarà invece di 1,50 euro.

 

FONTE: https://www.investireoggi.it

Letto 207 volte