notizie dall'estero

Uno sguardo fuori dai nostri confini, alla ricerca di cosa succede ai nostri vicini e lontani e come ciò può influenzare la nostra quotidianità. Ma anche notizie di interesse per chi viaggia, o per chi si vuole trasferire all'estero per cambiare vita.

Tra le (tante) minacce di guerra di USA e Corea del Nord, gli analisti tipicamente vorrebbero leggerci i segnali di un rapido rialzo del prezzo dell'oro. Almeno, ci sono tutti i segnali perché il metallo prezioso per eccellenza alzi le proprie quotazioni. Invece, le variazioni sono deludenti. Scopriamo meglio che succede.

Sempre peggio in Venezuela: l'82 percento delle famiglie è in stato di povertà, 2,4 milioni di cittadini frugano tra i rifiuti. Mentre le banche d’affari approfittano della situazione comprando titoli di Stato a prezzi stracciati, evidentemente speranzosi di trarne un gigantesco guadagno.Sarà così?

Sappiamo che il Venezuela è sull'orlo della guerra civile e la popolazione è stremata dalla crisi economica e dalla svalutazione della propria moneta. Il punto è che il presidente Maduro, secondo la voce dell'opposizione, non sta facendo nulla per stemperare i toni, anzi: con l'elezione della Assemblea Costituente si prevedono ancora più attriti tra governo ed oppositori.

Purtroppo non sono buone notizie: il Venezuela è sempre più in crisi, ed il suo popolo è sempre più alla fame, stremato e vicino alla guerra civile. Vediamo a che punto sono arrivati.

Dopo la politica di Obama, che ha teso la mano verso il regime di Cuba per sostenerne l'economia sofferente e, in cambio, agevolare l'ingresso degli investitori americani nell'isola caraibica, ecco la mossa (per ora ancona un'ipotesi) dell'amministrazione Trump: embargo degli States contro le esportazioni di petrolio del Venezuela. Poveri venezuelani, già alla fame e sul'orlo della guerra civile.

Pagina 1 di 16